Archive by Author

Lo spot cinese che lava il colore della pelle

28 mag

Da qualche giorno impazzano le critiche allo spot del detergente cinese che cambia colore della pelle. Senza parole ( per lo spot ).

Quando si bruciano cappellini ( Trump )

28 mag

CjgB1gtUYAAj0O_
71KpvfCqQzL._UL1500_

Bruciano i cappellini rossi di Trump con il suo slogan “Make America great again”. Tristezza.
Piu’ complesso capire perche’ un candidato ( quello repubblicano, appunto ) ha gia’ la nomination in tasca. Nel paese che ha eletto due volte Obama.
Ci provano in tanti ( a capire ). Ci provero’ anch’io nei prossimi mesi.

L’ora di carcere, nelle scuole

26 mag

IMG_0342

Questa mattina sono andato in una scuola secondaria di Padova con Ornella Favero e quattro ex detenuti.
Come succede da qualche anno dentro il carcere Due Palazzi le testimonianze sono state seguite dalle domande degli studenti.
“Ma non ci potevi pensare prima di commettere il reato?” ha chiesto uno studente. La domanda non e’ ingenua, come potrebbe sembrare. Viene prima di tutto il resto.
E il resto sono racconti molto schietti e dolorosi. Soprattutto quando entrano le vittime. E quelle altre vittime che sono i familiari dei detenuti. I figli che provano vergogna o che ( è accaduto un paio di giorni fa nel carcere ) rivelano ai compagni, amici, che il proprio padre è in carcere.
Da anni Ornella Favero ( premio Nobel per la pace subito ) batte le scuole del territorio e ci porta i cattivi, i colpevoli, quelli che fanno paura. Poi gli stessi ragazzi entrano nel carcere.
Pensavo oggi, guardando quei ragazzi con gli occhi spalancati, che sarebbe bello avere L’ORA DI CARCERE, nelle scuole. Materia obbligatoria. Gli insegnanti ci sono gia’, senza concorsi. Sono i detenuti, quelli chiusi e quelli liberi ( che rimangono detenuti per la maggior parte di noi ).

I cattivi. Non quelli delle serie tv

25 mag

Venerdì scorso ho assistito ad un convegno nel carcere Due Palazzi di Padova. Eravamo l’unica televisione presente (TV2000). Una giornata non come le altre. Per i detenuti e per tutti quelli che hanno partecipato. Magistrati, professori universitari, familiari dei cattivi e dei buoni seduti vicini. Un evento straordinario che si ripete ogni anno, organizzato dalla redazione di Ristretti Orizzonti, la rivista diretta da Ornella Favero, la giornalista che da anni fa lavoro volontario con i detenuti.
In un mese di interviste nelle carceri ho raccolto venticinque storie e molto altro. Ho ascoltato e provato a capire. Il ladro di biciclette e l’omicida.
Ho interrotto il blog per qualche giorno perche’ la sera non riuscivo a togliermi dalla testa quelle ragazze e quei ragazzi invecchiati nel carcere.
Piu’ facile ascoltare il rapinatore della mala del Brenta di quelli chiusi per delitti di mafia e camorra.
Piu’ comprensibili quelli dentro per reati legati a droghe varie di quelli che hanno ucciso le donne che dicono di avere amato o smesso di amare.
Si finisce sempre a parlare di quelli che stanno fuori, genitori anziani, mogli che tirano su figli abbandonati da dieci, venti, trenta anni.
Mi fermo, per ora.

DSCN3485

Morire in televisione

19 mag

60 MINUTES e’ il programma settimanale investigativo piu’ celebre al mondo. E’ in onda sulla CBS dal 1968 e i suoi segmenti hanno fatto la storia.
Entrare nella squadra di 60 Minutes, firmare un pezzo è come vincere un Pulitzer. Rimanerci per anni vuol dire entrare nella memoria dell’elettrodomestico. Alcuni dei suoi inviati sono invecchiati dentro il programma ed è normale ritrovarli ogni domenica anche quando hanno passato gli ottanta anni.
In America nessuno si sogna di mandarli a casa.
Uno di loro si era ritirato da pochissimo e proprio domenica scorsa l’intera trasmissione e’ stata dedicata ai suoi 46 anni di militanza.
Morley Safer se ne è andato oggi all’eta’ di 84 anni. E’ scomparso dopo la sua ultima messa in onda.

La prima volta di Snapchat con una serie tv

17 mag

AMC, la rete di Mad Men, Breaking Bad e Walking Dead, ha lanciato la nuova serie ( Preacher ) con cinque minuti su Snapchat.
Se vuoi andare dai teenagers devi usare Snapchat ( come ho imparato da quando mio figlio, 18 anni, mi ha detto, molto tempo fa, che Twitter, WhatsApp, ecc sono “roba per quelli come te ” ).
“Come te” , traduco, non c’entra solo con l’eta’.

 

Fara’ vendere piu’ televisioni Trump delle Olimpiadi ?

16 mag

Nel luglio 1952 la RCA reclamizzava la vendita dei  televisori per seguire la Convention repubblicana ( quella che nomino’ il generale Eisenhower ).

Il muro

16 mag

Un amico mi segnala questo tweet che gira molto.

Axelrod e Stewart, l’imperdibile dialogo sulle elezioni

14 mag

Non avevo avuto tempo di guardare prima questa conversazione tra David Axelrod ( il “creatore” di Obama ) e Jon Stewart ( il piu’ grande uomo di televisione ora a riposo ).
Ieri sera ho cominciato guardando Crozza molto divertente con Marchionne ma poi ho cominciato ad annoiarmi con il cuoco e le dosi massicce di antirenzismo messe a senso unico nella ricetta del programma e mi sono goduto questo dialogo.
In cui escono fuori tante cose e soprattutto una. Che Hillary, mostruosamente intelligente, è vissuta come finta.
Uso sinteticamente un solo aggettivo. Perche’ all’opposto Trump potrebbe essere percepito come vero.
C’e’ molto altro. Anche sul giornalismo televisivo. Che ha un problema. Non solo in America.

Il carcere della Giudecca. Per Laura

12 mag

Laura scrive poesie e ha vinto premi in concorsi per detenuti.
Domani lasciamo la Giudecca. Posso solo rovinare, montandole, le storie che abbiamo raccolto.
Grazie a una grande direttrice e alle dieci donne con cui abbiamo parlato.

IMG_0331

Will McAvoy su Trump. Se ci fosse ancora NEWSROOM

12 mag

Zingare

10 mag

Nelle carceri femminili ci sono nomadi. E’ cosa nota. Non ci sono solo loro, soprattutto negli ultimi tempi.
Loredana, la piu’ anziana delle tre con cui ho parlato, dice orgogliosamente e disperatamente che “noi zingare nasciamo con un destino segnato”.
Elisabetta ha un cumulo di pene impressionante, avendo messo tante volte le mani nelle tasche di viaggiatori nella metropolitana di Milano.
Meghi ha dato esami universitari di giurisprudenza ma poi è stata presa con il marito, Bonnie and Clyde.
Tutte e tre hanno figli fuori ( e anche dentro ) che bagnano i loro occhi quando ne parlano.
Entrando nel carcere della Giudecca stamattina abbiamo incrociato un’altra nomade con un bimbo piccolo che e’ salita, scortata, su un motoscafo della polizia penitenziaria. Un lungo trasferimento a Foggia, dove domani dovrà essere presente ad un’udienza per un furto. Ho chiesto piu’ volte cosa avesse rubato. Me lo hanno ripetuto piu’ volte. Quattro lamette.

Spritz

9 mag

Oggi ho raccolto le storie di Venere, Elisabetta e Lisandra nel carcere della Giudecca, a Venezia.
Allo spaccio vendono una maglietta fatta dai detenuti maschi con la scritta Spritz. L’avrei comprata ma non puoi entrare con i soldi. Allora sono andato a bermi uno spritz all’uscita.
Lisandra mi aveva lasciato secco con il suo racconto, da Cuba all’ergastolo, a 22 anni. Oggi a 25 anni e’ la cuoca del carcere. Domani assaggio le lasagne.

IMG_0317

La domandona

9 mag

Dicevo che sto facendo interviste nelle carceri. A tutti. Ho letto che c’e’ chi dice che non si intervistano camorristi e mafiosi. Scelte loro su cui sarebbe interessante discutere. Io credo dipenda dalle domande, sempre.
Ho letto oggi sul New York Times l’intervista ad Obama e Bryan Cranston ed ho trovato la citazione di una domanda che faccio sempre:”Ogni uomo cerca di essere all’altezza delle aspettative di suo padre o di rimediare agli errori di suo padre”.

ADDA VENI’ BAFFONE ( a Venezia )

8 mag

Sono arrivato oggi pomeriggio alla Giudecca, a Venezia. Da domani entriamo nel carcere femminile a fare interviste.
Ho fatto due passi lungo il canale. A pochi metri di distanza un circolo ARCI e l’insegna di una sezione socialista dedicata a Riccardo Lombardi.
Oggi Venezia era bellissima, come sempre. La Grande Storia.

IMG_0314
IMG_0315
IMG_0308

La vita , in carcere

5 mag

Una cara amica mi aveva consigliato di leggere un libro prima di iniziare questo lavoro nelle carceri. La corrispondenza lunga ventisei anni tra un ergastolano e il suo giudice ( “Fine pena : ora” di Elvio Fassone ). Io lo consiglio a voi.
In questi primi giorni di incontri e interviste nella casa di reclusione di Padova ritrovo le pagine che ho letto, interpretate da protagonisti diversi.
Le parole che escono dalle pagine e si vanno a stampare in una telecamera hanno un volto, occhi. E un nome. Biagio, Carmelo, Lorenzo, Gaetano. Alcuni di loro sono chiusi dentro da venti, trenta anni. Alcuni hanno un ergastolo “ostativo”, che vuol dire che non usciranno mai. Allora ti trovi li, a fare domande ma ti gira in testa solo quella cosa. Non usciranno mai.

Un mese in carcere ( e in televisione )

3 mag

Entro da due giorni nel carcere maschile Due Palazzi di Padova. Poi andro’ alla Giudecca di Venezia, in quello femminile. Per un mese ad ascoltare, intervistare detenuti. Per andare in onda su TV2000. Grazie a Don Marco, cappellano e a Ornella Favero, fondatrice di Ristretti Orizzonti, il periodico redatto dentro il Due Palazzi, che organizza da anni incontri con le scuole.
I ragazzi domandano. “Perche’ dovremmo credervi se avete commesso un crimine orrendo ?”
Le storie sono un mosaico che disegnano bene il nostro paese da un punto di vista non scontato.
Specchiarsi nelle nostre prigioni, in questo popolo che le vive ti apre dubbi, domande. Soprattutto sul valore riabilitativo della pena e la detenzione a vita.
Non avevo realizzato quanto profondamente ci riguardano le storie di Biagio, Carmelo, Lorenzo, Raffaele. E vorrei farvi ascoltare gia’ oggi le parole di un giovane detenuto arrivato dalla Cina che hanno commosso gli studenti.
Questa idea straordinaria di portare giovani che vanno a scuola dentro le carceri è il piu’ bel format televisivo mai inventato.

07

L’ultimo meraviglioso Obama alla cena dei corrispondenti esteri

1 mag

Sono lontano da New York ed ho visto ora l’annuale cena dei corrispondenti esteri in cui il presidente si trasforma in comedian per una mezz’ora.
Non perdetevela. Ho iniziato cosi’ il mio primo maggio italiano.
In sala, tra i candidati alla Casa Bianca di quest’anno, solo il “compagno Bernie” (come ha detto Obama).

La scrittura di PULP FICTION

1 mag

Come scrivere una sceneggiatura non lineare. La rivoluzione di Pulp Fiction.

La televisiun la g’ha na forsa de leun ( TRUMP )

28 apr

Trump creato dalla televisione. Lo scrive una nota giornalista televisiva su Politico ma lo avevamo capito tutti.
In piu’ lei dice che la copertura ossessiva della campagna di Trump ha ferito a morte la gloriosa informazione televisiva americana. La dittatura degli ascolti ha piegato alle sparate di Trump ogni regola del manuale del bravo giornalista televisivo. Ad esempio le telefonate del candidato Trump in diretta, messe in onda sempre e comunque. Solo le sue.
E’ una storia che noi in Italia abbiamo conosciuto bene in un recente passato.

Partenza

24 apr

IMG_1755
IMG_1590

Parto per un paio di mesi. L’autobus del blog pero’ va avanti.

La (sottile) HIGH LINE che divide ricchi e poveri

22 apr

Ho visto un documentario di HBO ( CLASS DIVIDE ) che racconta della meravigliosa High Line che tutti ammiriamo.
Quella linea tracciata alta su Manhattan ha creato un boom edilizio, commerciale, resuscitando un’area della citta’ che non era cool fino a pochi anni fa. Succede continuamente a New York.
Camminiamo, vediamo il nuovo ristorante, la nuova galleria e diciamo wow!
Sotto quella linea sottile ci sono storie che pochi sanno e  raccontano.

Kevin Spacey ancora alla Casa Bianca. Questa volta è Nixon

22 apr

Oggi esce a New York ELVIS & NIXON. Perfetto il timing.

PURPLE RAIN. Cover del New Yorker della prossima settimana

22 apr

CoverStory-Staake-PurpleRain-690x942-1461274099

Il flusso della campagna elettorale si ferma in tv per Prince

21 apr

La scomparsa di Prince e’ Breaking News su tutte le tv allnews. Per la prima volta negli ultimi sei mesi la politica esce dagli schermi.

IMG_1781

Trump live sulla NBC dal Rockefeller Center. E’ la televisione, stupido

21 apr

A leggere i giornali ( anche italiani ) di oggi Trump vicino alla vittoria finale avrebbe imboccato una strada piu’ “presidential”, riferendosi per la prima volta a Ted Cruz come “il senatore Cruz” e non “Cruz il bugiardo”. Tutte palle.
Ieri in uno dei suoi eventi-comizi ( dopo la vittoria a New York ) davanti a migliaia di fans Trump ha tranquillamente ripreso a chiamare Cruz “il bugiardo”. Se smettesse non sarebbe piu’ Trump.
Donald e’ il bullo televisivo che una bella fetta di americani vuole nella House of Cards, dopo il trionfo del politicamente corretto celebrato dall’amministrazione Obama. Certo è anche ( a stare ai sondaggi ) il candidato piu’ odiato dagli americani, il 68%. Ma intanto trionfa nelle primarie repubblicane, dopo avere distrutto uno dopo l’altro i suoi sfidanti usando soprannomi, deridendoli, ridicolizzandoli. E’ esattamente quello che consente di fare la televisione nelle manciate di secondi a disposizione nei talk shows e dibattiti in cui è fuori format provare ad articolare un ragionamento che vada oltre la pura superficie.
Questo animale televisivo oggi era all’aperto in una bellissima giornata e ha di nuovo giocato con le parole dicendo anche cose che, nell’altro campo, quello democratico, sarebbero impensabili. Come il fatto che”le banche sono fantastiche, io adoro i banchieri”.. ecc.
Le stesse cose dette da chiunque altro sarebbero seppellite da una risata. Con Trump passa tutto. E siamo solo agli inizi della stagione elettorale piu’ sorprendente della storia degli Stati Uniti.

IMG_1774
IMG_1779

“The Night Manager”, la serie da John le Carre’ con Hugh Laurie (Dr. House ). Robetta convenzionale

21 apr

Sempre rischioso giudicare nuove serie dalle prime due puntate. Puo’ accadere come nel caso di The Girlfriend Experience che poi vedi tutti i dodici episodi e cambi idea. Devo dire che, come sempre , visto di seguito il racconto prende forza.
Nel caso di The Night Manager, la miniserie di BBC One in sei puntate in onda contemporaneamente anche in Italia, e qua su AMC ( la rete di Mad Men e Breaking Bad ) ci risiamo. Mi e’ sembrata tutta stereotipi. I buoni e i cattivi. Tanto che uno si chiede come abbiano fatto ad appiattire la scrittura di le Carre’.
Ho letto che “colpi di scena” arriveranno ma il tessuto e’ quello che in questi anni abbiamo apprezzato con Homeland e in questo caso siamo parecchio lontani.
Sembra di assistere ad un film di James Bond – è stato scritto – ma negli anni ci siamo abituati a trame piu’ complesse e in questo caso sembra di tornare un poco indietro. Forse anche la regia ( molto lodata dalla critica ) e’ troppo presente, sopra le righe, inutilmente enfatica.
The Night Manager si lascia vedere ma ormai il tempo è quello che è e l’offerta è tale che ci permette di mettere da parte questa serie per i giorni in cui avremo visto tutto, ma proprio tutto.

Il trono d’oro di Cattelan e il suo legame ( ? ) con le elezioni

20 apr

The New York Times ci dice oggi del ritorno di Maurizio Cattelan al Guggenheim con un pezzo che evoca parecchio. Volendo.

PS Insieme al cesso d’oro arriva il documentario al Tribeca

20GUGGENHEIM1-master675

New York, Trump e Hillary

20 apr

Hanno vinto le primarie di New York i due candidati che, secondo i sondaggi, raccolgono anche il massimo dell’odio ( diciamo, antipatia ). E’ un’anteprima della campagna per le elezioni generali.  A New York non potevano votare gli indipendenti che ormai sono il “partito” piu’ forte, ago della bilancia.

Ho votato

19 apr

IMG_1773
IMG_1770

Sono andato a votare nella scuola vicino a casa.
Non possono votare oggi due figli ( dei cinque, uno minorenne ) di Trump perche’ non si sono registrati in tempo. Avranno mai votato in passato ? O avevano votato per i democratici e non hanno pensato di cambiare partito entro ottobre scorso quando scadevano i termini per il cambio di registrazione ? Comunque meraviglioso.