Archive by Author

Il cafone americano

22 gen

La prima cosa che leggo su La Repubblica è la rubrica di Michele Serra, ora piu’ facile da trovare in prima. L’uso sciolto del vocabolario italiano mi rallegra ogni giorno, anche per la distanza da una scrittura omologata, stereotipata.
Oggi meno.
“Il miliardario americano sembrava un miliardario americano…”, “il cow-boy bisavolo di Trump, quando entrava nel saloon con lo stuzzicadenti in bocca”…per dire della distanza che separa Trump da Obama.
Centinaia di migliaia di donne in piazza ieri, infatti. Paese complicato l’America.

In piazza, piu di ieri

21 gen

Stamattina a New York ho incrociato decine di donne con cappellini rosa che andavano a manifestare contro il nuovo presidente. Stessa cosa in centinaia di citta’ degli Stati Uniti.
Poi apro la televisione e vedo la marea a Washington.
Dicono piu’ di ieri.

IMG_3975

SNEAKY PETE, la serie migliore di inizio anno. Tra Fargo e Breaking Bad

21 gen

Ho finito i dieci episodi della nuova serie, Sneaky Pete, di Amazon.
La sera tornavo a casa felice di riprendere a sfogliarla, come ormai mi accadeva raramente.
Da tempo ormai mollavo le visioni delle infinite robe nuove che ci arrivano ogni venerdì da Netflix, Amazon e compagnia dopo il primo episodio. Anche il tanto strombazzato OA l’ho mollato, senza nemmeno finire la prima puntata. Sono allergico al soprannaturale. Meno all’implausibile.
Tutte le serie sono implausibili. Fargo e Breaking Bad erano forse documentari naturalistici ?
La scrittura migliore deve correre su quel confine tra paradosso e realta’, provando a tirare fuori elementi di verosimile che ci portano dalle parti della nostra “coscienza”, del nostro non detto, nemmeno a noi stessi. In questo Sneaky Pete supera l’inimmaginabile perche’ il protagonista è un “con man”, un truffatore, un bugiardo, un impersonificatore. Uno che assume diverse identità , che vediamo continuamente sul punto di crollare e che invece riesce a cavarsela con una nuova geniale invenzione.
Lo scambio di identità è alla radice della scrittura piu’ affascinante. Anche in letteratura. Giovanni Ribisi, il protagonista Pete, è perfetto in questo sdoppiamento. Leggo della sua militanza in Scientology. Sara’ per quello…
L’executive producer, cocreatore e attore è Bryan Cranston, il Walter White di Breaking Bad, straordinario impersonificatore di presidenti ( da Johnson a Nixon ) e che ha detto di aspettarci un suo prossimo Trump. Con Cranston sono dietro la macchina David Shore (“House,” “Battle Creek”) e Graham Yost (“Justified,” “The Americans”).
Il cast è strepitoso e ci illumina, volendo, su quell’America rurale su cui ci hanno fatto due palle tante con l’elezione di Trump. Con Sneaky Pete siamo in Connecticut e New York appare lontana e quando ci si arriva è vista attraverso gli occhi di chi vive in un paese, tra mutui che vanno a rotoli e debiti accumulati sulle carte di credito.
La CBS, che aveva la serie in mano, la mollo’ e Amazon ci è saltata sopra. Meglio per noi che cosi’ ce la siamo bevuta senza pubblicità e in un sorso.
Saturi di serie tv, ecco la riconciliazione con un piccolo gioiello. E una bella pausa dalle soprannaturali vaccate che siamo costretti ad ingurgitare in questi giorni di cambio di inquilino alla Casa Bianca.

Trumpology da Bill Maher. Con Jane Fonda and friends

21 gen

Ha ripreso il comedy-talk show meglio che c’è. Nel giorno dell’inaugurazione che sappiamo.. Dateci un’occhiata. C’è Jane Fonda che parla dei famosi contro Trump.

House of Cards salta sull’inaugurazione

21 gen

Un’ immigrata alla Casa Bianca

20 gen

Trump ha finito di parlare da poco. Un discorso cupo. Tutto dentro i confini degli Stati Uniti d’America.
Per noi immigrati rimane solo la fotografia di una come noi ( ? ) Melania che, nata in un altro paese, entra alla Casa Bianca non da turista.
Obama è andato via con l’elicottero. Le telecamere lo seguono a lungo, in silenzio.

IMG_3970

PS Melania e Hillary rivestite da Ralph Lauren, il vincitore della giornata.

Melania è arrivata con una scatola di Tiffany. E gli Obama non sapevano che farci

20 gen

IMG_3946
IMG_3949
IMG_3951

La Casa Bianca sta cambiando inquilini. Seguo il rito.
Melania Trump si presenta con una scatola di Tiffany.
Il negozietto all’angolo, a pochi metri dalla Trump Tower.

Eccolo. Obama.org

20 gen

Ci si chiedeva cosa faranno gli Obama. Intanto, la fondazione.

Breaking News. A futura memoria

20 gen

E ora stiamo a vedere quello che ha detto che Obama è uno dei fondatori dell’Isis.

Ma che ascolto ha fatto The Young Pope su HBO ?

19 gen

Ci chiedevamo ieri con un amico “ma che ascolto ha fatto The Young Pope su HBO” ?
Leggo sulla stampa italiana di un grande successo e di Homeland strapazzata (nuova stagione sulla concorrenza, Showtime). Boh. A leggere invece altro e altro ancora, non sembrerebbe sia stato un trionfo.
La storia di Homeland battuta mi sembra poi una bufala. Il primo episodio è stato offerto in anticipo online e io, come altri un milione e 250mila, l’ho visto prima della prima.
I numeri di The Young Pope si saranno gonfiati con la postvisione on demand e le repliche ma non li conosco. Questo accade sempre per le serie. Anche mentre scrivo i primi due episodi rivanno in onda su uno dei canali di HBO. Il secondo episodio in onda lunedi, dopo il primo di domenica, era sceso.
La matematica, un’opinione.

Pronti, via. Inaugurazione con bufala

19 gen

IMG_3935
IMG_3937

Trump invita da Facebook a prenotare il biglietto free per l’inaugurazione. Se vai avanti ti viene chiesto di lasciare il contatto e, se vuoi, comprare una targa ricordo.
Il merchandising politico in America è la norma, a tutte le latitudini. In questo caso pero’ vale la pena ricordare che non c’è bisogno di biglietto. Basta andare.
Il cast del concerto gratuito sembra poi messo insieme dall’Onion, dal Vernacoliere, dal vostro compagno di banco, a scelta. Roba che manco alla festa di Ferragosto di Marciana Marina, che ho tante volte frequentato con grande gioia.

Perche’ in Italia non c’è un Mike Allen ?

18 gen

Stamattina su MSNBC Mike Allen ha appena detto che la criptica parola scelta per la sua nuova avventura online , AXIOS, è stata scelta perche’ significa “quello che vale la pena sapere all’inizio della nostra giornata”.
Per anni abbiamo ricevuto nella nostra casella di posta al mattino la newsletter di Mike Allen quando era a Politico. Ora in tanti lo abbiamo seguito su Axios. Primi numeri impressionanti.
Perche’ non c’è una cosa simile in Italia ? Risposta semplice : perche’ che ci frega di sapere ancora della nostra politica quando i talk shows morenti ci inondano di parole ogni giorno e lo stesso fa la carta stampata ?
Basta prendere atto che la politica in televisione è morta, se mal-trattata come accade.
La politica online come la tratta Mike Allen invece è sexy (tanto per dire, sinteticamente).
Poi certo bisogna saperla fare una cosa cosi’. Ed essere insiders senza essere inginocchiati.
Un buon esempio di quello che ci vorrebbe è stata la newsletter di Francesco Costa sul Post per le elezioni americane. Perche’ non farla anche domestica ? Meno sexy ma utile.

E per fortuna che Bernie c’è

18 gen

La famiglia di Betsy DeVos ( entrante Ministra della Pubblica Istruzione ) avrebbe un patrimonio calcolato intorno ai cinque miliardi di dollari. Ha donato decine ( forse centinaia ) di milioni, nel corso degli anni, a vari rappresentanti del popolo repubblicani che oggi dovrebbero passare al vaglio la sua nomina.
Una nuova responsabile della scuola pubblica che ha passato la vita a depotenziarla, in Michigan.
Scuole charter, vouchers e fondamentalismo religioso, nella biografia della DeVos.
Questo, piu’ o meno, le ha detto Bernie Sanders, nella seduta di conferma della nomina della DeVos, al Senato.
Facile previsione è che scuola e sanità saranno presto i due principali terreni di scontro nel paese. Il film sta per cominciare.

“I lost my narrative”. La miniserie PBS su Obama. DIVIDED STATES OF AMERICA

17 gen

Stasera e domani in prima serata sulla PBS, il docufilm di quattro ore che racconta l’America da Obama a Trump.
“Divided States of America” va in onda per Frontline, il programma di inchieste migliore della televisione americana. E’ la Grande Storia nel suo divenire. Imperdibile.

L’inaugurazione lunga due giorni

17 gen

Venerdi prossimo Donald J.Trump fara’ il suo ingresso ufficiale alla Casa Bianca.
La mattina dopo è convocata la Marcia delle donne in opposizione a Trump, non lontano dalla Casa Bianca stessa. Le televisioni si preparano al raddoppio.
C’è addirittura chi si prepara a paragonare i numeri delle due giornate ma non dovrebbe esserci storia al riguardo. Non saranno i due milioni per Obama ma si parla di 800mila per Trump.
La pagina Facebook delle adesioni alla Women’s March ha superato le 200mila adesioni.

C2UnzPWUcAY1Sju
Event+Details

Tom Barrack, da Neverland di Michael Jackson alla Sardegna. All’inaugurazione di Trump

16 gen

IMG_3931

Stamattina apro la televisione e trovo Tom Barrack.
L’uomo e’ a capo del comitato che organizza l’inaugurazione del suo amico di vecchia data, Trump.
Lo ha sostenuto nella campagna elettorale e, come lui, è diventato molto ricco con il real estate, l’immobiliare. E’stato avvocato di Nixon.
Un lungo pezzo del New York Magazine del 2010 ci ha raccontato la sua storia, che allora fece molto parlare anche perche’ c’era dentro Neverland, il celebre ranch di Michael Jackson.
Da noi Barrack è forse piu’ noto per la sua residenza in Sardegna che leggo ha avuto recenti sviluppi.
In televisione oggi è apparso abile, ragionevole, conciliante, simpatico.
Oltre la superficie del Trump populista, si sta per insediare a Washington una  superclasse dirigente che dovremmo imparare a conoscere meglio.  Serve andare oltre il tweet quotidiano di Trump per capirci di piu’.
Con “spirito laico”, si sarebbe detto una volta.

 

C’era una volta

16 gen

Una volta i giornali italiani atterravano a New York con l’aereo Alitalia intorno alle due del pomeriggio.
Verso le sei del pomeriggio andavo alla Rizzoli sulla 57. Percorrevo la libreria, scortato dagli scaffali di legno scuro, fino in fondo dove sulla destra c’era la carta, di giornata. Ormai non piu’ fresca.
Di solito leggevo la Gazzetta sul posto, approfittando della distrazione della cassiera. Quando ci riuscivo. Davo un’occhiata ai titoli e compravo un quotidiano solo, di solito il Corriere. Il budget era quello che era.
Piu’ tardi, a casa, la lettura di quello che ormai era accaduto secoli prima.
Non so perche’ oggi mi è tornato in testa quel rito.
Anzi si. Dopo anni ho disdetto l’abbonamento cartaceo al New York Times e sono passato al digitale. Un lutto.

Unknown

A noi basta poco

16 gen

Battuta la Juve. Il campionato è finito oggi.
Noi viola ci accontentiamo di poco. Siamo gente semplice.

Michelle Obama 2020

14 gen

Modern Love, podcast del New York Times

13 gen

Sono appassionato ai podcasts. Butti giornali, fai ordine, ecc ed esci dalla schiavitù seriale televisiva. Ti accompagnano soavemente alla notte.
Modern Love, uno dei preferiti.
170x170bb

Onnipresente

13 gen

IMG_3927
IMG_3926

Lancio massiccio per The Young Pope, su HBO domenica.
Per il New York Times quello che si è letto altrove. Grande forma, narrazione meno forte.

C’era una volta la televisione che ci univa

12 gen

Un bel pezzo sul New York Times ci fa riflettere su quanto è cambiato il consumo televisivo in questi anni.
Dalla lunga coda delle nicchie a Netflix, ci siamo confezionati delle visioni su misura, con tempi e modi che ognuno sceglie come crede.
Gli ascolti non sono piu’ quelli di una volta ma si parla di serie tv come al bar sport, dove ognuno è il massimo esperto dell’ultimo format che arriva da Israele.
Cosi’ va il mondo. Ma poi arriva Sanremo e allora come non detto.

Trump, l’inaugurazione c’e’ gia’ stata con la conferenza stampa

12 gen

La storia del certificato di nascita del musulmano Barack Hussein Obama è stata la prima delle fake news che ha lanciato la candidatura del neo presidente Trump. Il resto della storia la conosciamo.
Ormai parliamo piu’ di fake news che di real news.
Andrebbe studiata questa fenomenologia dei derivati di notizie che ha prodotto una crisi che ricorda quella dei derivati subprime. Sono stati incartati dei pacchi e alla fine ci siamo andati di mezzo tutti o quasi.
Per stare alla triste attualità Trump ha tolto la parola alla CNN definendola titolare di fake news, nella prima conferenza stampa dalla sua vittoria. Quello che era accaduto è materia che rimbalzerà ancora parecchio.
Senza precedenti è pero’ l’accusa ad un intero network di essere megafono, propagatore di bugie.
La guerra ai media è stata la strategia vincente di Trump. Il suo elettorato va pazzo per scenette come quella con il giornalista di CNN che ha provato a fare una domanda.
La cerimonia di inaugurazione del prossimo 20 gennaio possiamo pure saltarla. La presidenza Trump è partita con questa conferenza stampa.

Hello Chicago ( 2008-2017)

11 gen

Di nuovo a Chicago. Mi sono “preparato” rivedendo il discorso della vittoria di Obama del 2008.
Impossibile non provare la stessa emozione di allora. E non ho antenati (che io sappia) arrivati in catene dall’Africa. Ho pero’ un’amica afroamericana che mi ha detto stasera che le accade di piangere solo a sentire “Hello Chicago…”, le prime due parole del pop speech del 2008.
A vedere l’esito dell’ultimo ciclo elettorale si capisce che abbiamo assistito ad un miracolo, poco piu’ di otto anni fa. Una di quelle cose che questo amato, odiato paese ci regala e che poi a noi sembrano cose normali. Questo non è un paese normale. Non so se “exceptional”, come i miei figli hanno imparato a scuola e come anche stasera Obama ha ripetuto.
Certo gli Stati Uniti d’America continuano ad essere un esperimento in divenire.

Barack Obama ha messo insieme un’altro fiume di parole che ci fanno pesare il valore delle parole stesse. Ha ricordato i traguardi raggiunti dalla sua amministrazione. Ha ammesso che le relazioni tra le componenti di colore diverse del mosaico americano non sono dove dovrebbero essere, nonostante la sua elezione. Ha detto che quello che si diceva dell’invasione di irlandesi, italiani, polacchi oggi si dice dei migranti. Ha poi zittito chi ha accennato ad una contestazione nei confronti del prossimo inquilino della Casa Bianca.
Stasera allora mi sono chiesto : se Donald Trump avesse vinto il voto popolare con quasi tre milioni di suffragi in piu’ di Hillary e perso con i collegi elettorali, questa transizione sarebbe cosi’ pacifica ? E chiuderei qua.
Tra poche ore la prima conferenza stampa di Donald Trump dalla sua vittoria. Verosimilmente ascolteremo molte domande su Putin, Russia. Un altro film.

PS Si, ho pianto quando Barack si è rivolto a Michelle

Let’s make America SANE again

10 gen

Nuova stagione di Bill Maher su HBO.

IMG_3919

Beh , una volta tanto l’America arriva dopo l’Italia

10 gen

Da domenica The Young Pope su HBO.

SONO INNOCENTE, ok. Ma il problema è LIBERARE TUTTI

9 gen

Ho recuperato sull’ottima Rai Play Sono Innocente ( Rai Tre ).
Format sperimentato di sicuro impatto ( lancio, interviste e ricostruzioni ) declinato sugli incarcerati che non hanno commesso crimini. Sugli errori giudiziari poco da aggiungere. E sul programma tv pure.

In America hanno addirittura costruito una serie in dodici episodi ( A&E- 60 Days In ) con sette volontari ( quattro uomini, tre donne ) che sono entrati in carcere per due mesi. Innocenti in missione per la gloria di un reality.
La stessa televisione ( roba piu’ seria ) ci ha raccontato di innocenti condannati a morte, senza che la cosa abbia suscitato grande scandalo.

Una lettura, piu’ di altre, mi ha guidato nel lavoro fatto lo scorso anno tra i detenuti di Padova e le detenute della Giudecca, a Venezia. E’ un libro che consiglio a tutti, dopo avere ricevuto il suggerimento dalla mia amica Lucia.
La fine pena mai, l’ergastolo sono orrori da cancellare. Ho incontrato detenuti con venti, trenta anni di carcere, condannati per omicidi commessi quando erano poco piu’ che adolescenti. Oggi sono innocenti. Lo stato forte è quello che libera i colpevoli. E magari su questo ci fa dei programmi televisivi.

GOLDEN GLOBES, “uno dei pochi luoghi in cui ancora conta il voto popolare”

9 gen

L’inizio folgorante con numero musicale old americana è stato puro Jimmy Fallon. Nostalgia con grazia e divertente. Nel breve monologo d’apertura Fallon è poi riuscito a ricordarci che il 20 gennaio, inaugurazione della presidenza congiunta Trump-Putin, sta arrivando.

La cerimonia dei Golden Globes è la versione familiare degli Oscar. Votano una novantina di membri della stampa estera di Hollywood ( presidente l’italiano Lorenzo Soria ). È questa l’allegra combriccola a cui Fallon si e’ riferito come ai titolari del “voto popolare che ancora conta”, mandando in delirio la platea tutta anti-Trump della liberal Hollywood.

Nelle categorie cinematografiche La La Land ha fatto strage di premi.
Viola Davis ha recitato uno strepitoso omaggio a Meryl Streep che si e’ prodotta in un discorso di ringraziamento che VI PREGO DI RECUPERARE. Senza mai nominare Trump ha ricordato alla stampa estera di fare il suo mestiere ma soprattutto ha fatto una lista di attori presenti, citando le “umili origini” di ognuno, tutt’altra cosa dall’elite dipinta dalla campagna populista che ha portato alla Casa Bianca quello che sta per entrarci.
Moonlight ha vinto alla fine il premio per migliore film drammatico ed è giusto cosi’.

Il minimalista Atlanta, per la gioia della critica , ha vinto come migliore serie tv “musical or comedy”e Donald Glover come migliore attore.
The Crown di Netflix vince per la migliore serie drammatica, onorando cosi’ gli oltre 100 milioni di budget per questa prima stagione e grandi performance degli attori. Gli americani vanno pazzi per i reali inglesi. In televisione.
HBO aveva 14 nominations ma la novita’ di quest’anno è che il nuovo arrivato Amazon ne ha collezionate undici mentre Nertflix “solo” cinque.

La televisione non ha raccontato gli anni di Obama. Ma non era facile farlo

8 gen

Siamo alla fine degli otto anni di Obama alla Casa Bianca.
Michelle ha staccato il biglietto con un discorso emozionante e Barack sta per fare lo stesso a Chicago, con un evento costruito per chiudere circolarmente la sua straordinaria residenza nella Casa Bianca, costruita dagli schiavi afroamericani.
Ci siamo sentiti rappresentati da questa famiglia. Ogni apparizione televisiva, anche quelle “leggere” nei talk shows, sono state boccate di aria pura, di quella che una volta si chiamava classe.
Ma la “classe dei neri”, nel suo significato altro e propriamente socio-economico, è rimasta dove era, in fondo alla stratificazione per segmenti della scala che sale al “sogno americano”. E fuori dalla televisione.
Ne parla il New York Times. Ci sono episodi di Atlanta e altre serie che hanno fatto emergere scampoli di quello che è accaduto nelle strade americane (poliziotti bianchi che hanno ucciso giovani neri). Ma anche questa è superficie.
Non c’e’ stata una serie come “The Wire” per i 762 morti quest’anno a Chicago.
Ma soprattutto un racconto della complessità di una condizione radicata oltre l’emergenza delle gangs.

La televisione ci ha dato storicamente black comedies e continua a farlo, anche con elementi di novita’.
Le serie introducono personaggi di colore con il misurino della rappresentanza demografica.
Shonda Rhimes fa quello che ha fatto Oprah in anni passati, alzando il tetto di questa rappresentanza.
Ma l’America di questi anni, quella da cui è emersa Michelle Obama, non c’è.
Gli Obama sono stati raccontati con filmetti agiografici.
Il cinema, invece, lo sta facendo. “Moonlight” è un gran bel film. Non c’è una serie cosi’.
Difficile non cadere negli stereotipi della narrazione del ghetto in televisione. Meglio riderci sopra come fanno le black comedies. Lo stravolgimento del format pero’ ( come nel caso di Atlanta) potrebbe avere aperto una strada.
Usciti dalla bolla degli Obama, probabilmente vedremo delle cose. Anche perche’ l’America di Trump-Putin aprira’ nuove strade al racconto che non sia solo quello dei bianchi impoveriti alla “Manchester by the Sea”.
Gli stessi Obama sono inconsapevoli (?) responsabili di questo vuoto. Ci hanno stordito e ammaliato con il potere delle parole e meno con le azioni, le opere. Ci siamo cullati in una bolla.
Barack è diventato bravino a giocare a golf e noi pensavamo che gli ex schiavi avrebbero potuto diventare tutti come lui. Invece i fratelli afroamericani sono rimasti quelli che portano le mazze, i caddies.

Svacanzando

7 gen

Befana di venerdì e ancora due giorni guadagnati. Dai, che forse da lunedì le mail si riaccendono, nel paese con piu’ vacanze al mondo ( l’Italietta).
Tocca leggere dei poveri a Malindi, dei calciatori alle Maldive, come se quelli che vanno in Trentino, Alto Adige, dove cascasse il mondo tornano da un secolo, siano dei senzacasa.
Qua Obama si e’ fatto al solito il Natale alle Hawaii e ha smazzato nei campi da golf. Intanto a Wall Street brindano ad epici bonus.
E per le strade di New York la lingua ufficiale di questi giorni è come sempre l’italiota, masticato da centinaia di muli con carico di pacchi e pacchetti in saldo.
Il 20 gennaio, primo giorno dell’era Trump-Putin, si avvicina.
Ma che ce frega, che ci sono i costumi da sciacquare e gli sci da mettere in cantina. E Pasqua è dietro l’angolo.