Archive | dicembre, 2012

Pasolini-Pound

8 dic

Vintage sex&sitcoms

8 dic

E i baffi se ne vanno. Una grande causa

7 dic

Li aveva dal 40 anni. Oggi alle 7.15 nella trasmissione del mattino di MSNBC in cui e’ di casa David Axelrod ( lo stratega delle vittorie di Obama ) si e’ spazzato via i baffi. Prima una scommessa vinta sulle elezioni con il conduttore, il repubblicano Scarborough, aveva salvato l’iconica peluria. Ma l’idea e’ stata convertita in una celebrazione del milione raggiunto nella cura dell’epilessia dalla fondazione che Axelrod sostiene.
MSNBC ha costruito l’evento questa mattina con un countdown. Lauren, figlia degli Axelrod, ha lottato una vita contro l’epilessia.
Il TG di NBC si collega in diretta. Axelrod dice che Obama stara’ ridendo dalla Casa Bianca.

Per Natale questo blog andra’ ai giardinetti. Vedremo per quanto tempo

7 dic

Vi/mi preparo a un lento ( non so quanto lungo ) addio.  Mi sono dato una deadline a due anni dalla partenza di questo blog.
Ho l’impressione che questo format rimbalzista e, ogni tanto ( ahime’ ) opinionista, abbia fatto il mio tempo.
Ho l’impressione che il new, new, next, next siano i videoblog. Ho la certezza che questi, sono ancora pochi, siano cose che mi intriga di piu’ frequentare. Vedremo come. Se riesco, nei prossimi giorni, mi spiego meglio.
Intanto comincio gia’ a ringraziare tutti. In famiglia e in quella piu’ larga che e’ cresciutella attorno a questo diario.
Amici mi hanno consigliato di bloggare ogni tanto, non tutti i giorni. Non ci riesco. Come quando ho smesso di fumare, venti anni fa.
O tutto o niente. Sono di quella generazione li.

La mappa interattiva piu’ incredibile. Morti e nascite in tempo reale negli USA

7 dic

Mappa ipnotica. Se cominciate a vederla a questo link diventa difficile mollarla. Datele il tempo di caricare . Semplicemente pazzesca.
Sembra che le nascite superino le morti.

Expedia e cancro. Storytelling-pubblicita’

7 dic

Pampers e Jewel. Videomusic-pubblicita’

7 dic

http://youtu.be/m47XQ3R8QpY

Ron e James. Non proprio da Actors Studio

7 dic

STAR TREK di J.J. Abrams

6 dic

Il nuovo Tarantino western. Con la lista delle musiche ( c’e Rocky Roberts )

6 dic

Sta per uscire il nuovo Tarantino. Intanto il regista ha dichiarato che si autorottamera’. Che non vuole diventare un regista, vecchio. E’ stato appena celebrato al MOMA e forse gli basta.
La lista delle musiche che ha scelto e’ come sempre la piu’ attesa. Eccola. Con una precisazione. Tarantino ha detto di avere usato i solchi dei suoi vinili, graffiati, strausati quando non sono musiche originali. Niente di remastered. Solo questo vale gia’ tutto.
PS C’e’ anche Rocky Roberts

1. WINGED
2. DJANGO (MAIN THEME) – LUIS BACALOV, ROCKY ROBERTS
3. THE BRAYING MULE – ENNIO MORRICONE
4. IN THAT CASE, DJANGO, AFTER YOU…
5. LO CHIAMAVANO KING (HIS NAME IS KING) – LUIS BACALOV, EDDA DELL’ORSO
6. FREEDOM – ANTHONY HAMILTON & ELAYNA BOYNTON
7. FIVE-THOUSAND-DOLLAR NIGGA’S AND GUMMY MOUTH BITCHES
8. LA CORSA (2ND VERSION) – LUIS BACALOV
9. SNEAKY SCHULTZ AND THE DEMISE OF SHARP
10. I GOT A NAME – JIM CROCE
11. I GIORNI DELL’IRA – RIZ ORTOLANI
12. 100 BLACK COFFINS – RICK ROSS
13. NICARAGUA – JERRY GOLDSMITH FEATURING PAT METHENY
14. HILDI’S HOT BOX
15. SISTER SARA’S THEME – ENNIO MORRICONE
16. ANCORA QUI – ENNIO MORRICONE AND ELISA
17. UNCHAINED (THE PAYBACK/UNTOUCHABLE) – JAMES BROWN AND 2PAC
18. WHO DID THAT TO YOU? – JOHN LEGEND
19. TOO OLD TO DIE YOUNG – BROTHER DEGE
20. STEPHEN THE POKER PLAYER
21. UN MONUMENTO – ENNIO MORRICONE
22. SIX SHOTS TWO GUNS
23. TRINITY (TITOLI) – ANNIBALE E I CANTORI MODERNI

http://youtu.be/Vup4HSq9Ic0

Canal+

6 dic

I famosi di New York per Sandy

6 dic

Violenza contro le donne. Happening a Parigi

6 dic

Jimmy session

6 dic

Il libro di Daria Bignardi e’ (molto ) bello

6 dic

Da tempo, tanto, non riuscivo a finire un libro. Di questo do la colpa ( anche ) al blog, che poi, poveraccio, forse c’entra poco.
Oggi sono arrivato sull’aereo per New York con zainetto pieno di libri. Saggi e poi i nuovi romanzi di Paolo Giordano e Daria Bignardi. Ieri volevo comprare anche De Carlo ( sono rimasto a Treno di panna ) ma con quel titolo ( Villa Metaphora ) non ce l’ho fatta.
Ho divorato L’acustica perfetta di Daria Bignardi e declinato l’offerta del pasto aereo. E’ scritto al maschile. E’ doloroso. E’ costruito in modo che vuoi sapere come va a finire, che e’ cosa che non accade sempre.
Quando l’ho chiuso non ho avuto la forza di aprire subito Giordano, come da programma prepartenza. Ho dovuto fare scendere giu’ le 200 pagine. E ho guardato vecchie stagioni di HBO e Showtime perche’ avevo bisogno di roba gia’ masticata. Ora sono seduto a casa, contento. Se leggerete il libro capirete perche’ dico “contento”.

Torno a casa

5 dic

Provini

5 dic

L’iPad sulla metropolitana a Milano va. A New York no

4 dic

E poi si dice che questo e’ un paese immobile.

No country for old men

4 dic

Ma l’avete sentito Fede su Ruby ?
Ma l’avete sentita la Bindi che si ricandida ?
Ma l’avete letto Eco sulla morte ?

Bing contro Google

4 dic

“FISCAL CLIFF”. Istruzioni per l’uso di Robert Reich

4 dic

Tra due giorni e’ Natale. Pollo fritto

4 dic

http://youtu.be/vOA6trFiU7w

GAME OF THRONES season 3, in produzione

3 dic

Il 60 % dei millennials italiani all’estero. Potendo e volendo

3 dic

Oggi leggo di una ricerca che dovrebbe far tremare tutti. E vedo il rimbalzo enorme nel mondo. Meno in Italia. Si , qualche articolo. Ma dovrebbe essere l’apertura dei TG in un paese che profumi di destra, centro e sinistra. Ma non e’ cosi’. Meglio prendere per il culo Renzi ( come vedo piu’ o meno esplicitamente fare da ieri ). Tanto chissenefrega dei 12 milioni di giovani italiani nati tra il 1981 e il 2001.
E’ quella chiamata generazione Millennial ( 2,4 miliardi nel mondo ). 15mila appartenenti a questo blocco demografico in 24 paesi hanno risposto ad una ricerca commissionata da Viacom International.
Gli Italians sono al quarto posto tra i piu’ infelici al mondo. Il 60% vorrebbe andarsene in un altro paese contro il 25% degli omologhi francesi e tedeschi. Pero’ il 79% degli italiani ( contro la media mondiale del 65% ) pensa che lavorando duramente ce la potrebbe fare.
Esattamente su questi risultati, che non conoscevo, lavoro da alcuni mesi.

BUCKWILD, dove prima c’era Jersey Shore

3 dic

Dal 3 gennaio nello slot del giovedì ( che e’ stato regno di Jersey Shore ) partono i 12 episodi di BUCKWILD. Piu’ divertimento che preoccupazione per il futuro, da quanto si sa. Nove ragazzi di Sissonville, West Virginia, small town America, sono osservati e raccontati e non traslocati in una casa fiction. E’ l’evoluzione del genere, quella a cui tutti stanno/stiamo lavorando.

http://youtu.be/N3zY6towDsg

GIRLS, la seconda stagione. Il fenomeno pop

3 dic

Ascolti non straordinari su HBO ma non c’e’ show della scorsa stagione che abbia piu’ “intercettato questa congiuntura” economica, culturale, sociale, bla, bla di Girls e della sua ora milionaria autrice Lena Dunham ( al lavoro sulla sua parabiografia a twentysomething years ). Tutte cose di cui in Italia arrivano echi lontani. Sarebbe bello chiedersi come un format antico ( quattro amiche ) sia stato rivitalizzato in una sitcom che non e’ una sitcom.

http://youtu.be/9FPkC9In57I

Serataccia

3 dic

Prima Renzi, poi la Fiorentina. Ho appena sentito Montella, allenatore della Fiorentina, dire alla Domenica Sportiva “serataccia”. Si riferiva anche a Renzi che aveva dichiarato di sostenere.
Intanto a Linea Notte di Rai 3 tutti felici come bambini con la Nutella. Quando e’ arrivata la Bindi mi sono sconnesso dalla tivù.

Non fanno veramente votare

2 dic

Mi chiama un’amica da Roma e mi racconta di avere assistito/partecipato ad una accesa discussione con un aspirante elettore. L’escluso in questione e’ arrivato con carte d’imbarco d’aereo per dimostrare che era via domenica scorsa. Ha detto di avere ripetutamente provato a registrarsi online ma di non avere ricevuto risposta.
Una ragazza del seggio gli ha detto “Perche’ e’ partito se sapeva che c’erano le primarie ?” E’ seguita insurrezione gazebiana ma i custodi delle regole hanno eroicamente resistito.
Piu’ facile entrare in America dal confine con il Messico, senza regole.

TELEPATIA, a colori

2 dic

Sto guardando Telepatia su Rai 3. Si vedono cose che di solito non si vedono in televisione. Filmati d’epoca di periferie e corti girati bene. Con una qualita’ in piu’ rispetto ai pezzi soliti di “denuncia sociale”. Che c’e’ gioia, ottimismo in posti dove non diresti che possa esistere. Tutta la televisione d’inchiesta e’sempre negativa, in bianco e nero. Telepatia e’ a colori anche con i filmati in bianco e nero.
Sto apprezzando pure Oliviero Beha, di cui finora mi garbava solo la fede viola.

1970, Isola di Wight, Jimi Hendrix. Che oggi avrebbe 70 anni. C’ero ( fino ad un certo punto )

2 dic

Qualche giorno fa, il 27 novembre, Jimi Hendrix avrebbe compiuto settanta anni.
Nell’estate del 1970 ho fatto la maturita’ e partii, solo, per New York. Ci misi un mese, con soste, a raggiungere San Francisco. Autostop e autobus, quelli con il levriero.
Tornato a Milano, in cinque, dentro un maggiolino Volkswagen, siamo andati all’Isola di Wight. Pioveva, bagni impraticabili dopo il primo giorno ma c’era un laghetto non lontano.
Con un gruppone di italiani e qualche francese abbiamo sfondato e sostenuto che la musica dovesse essere gratis. Mangiavamo cartocci di fish and chips, con le mani nere.
Ogni giorno riuscivamo ad avanzare di qualche metro verso il palco. Il quinto giorno appoggiammo i sacchi a pelo proprio sotto gli enormi speakers che diffondevano la musica nell’isola e che erano ai lati del palco.
Mi addormentai mentre partivano le prime note di Jimi Hendrix. Era il 30 agosto. Il 18 settembre Jimi Hendrix fu trovato morto al Samarkand Hotel, Londra.