Archive | dicembre, 2014

Miami come Napoli

31 dic

FullSizeRender copy
FullSizeRender copy

VACANZE A MIAMI andra’ in onda il 6 gennaio su Rai Tre alle 21.00.
Perche’ tanti italiani in vacanza e stanziali a Miami ? “Perche’ e’ come Ibiza ma americana”. “Come Porto Ercole”, “come Forte dei Marmi”, “come Riccione”, ecc. Gli intervistati hanno paragonato Miami ai luoghi delle loro vacanze. Ognuno ci ha ritrovato qualcosa della sua giovinezza, andata.
Il paragone piu’ calzante e’ quello di Francesca che ha detto “e’ come Napoli”.
E Renzo Arbore, il “nostro notaio” di Miami ci ha spiegato perche’, in effetti, ci assomiglia.

TRANSPARENT, serie tv del 2014

31 dic

Vince Amazon, non Netflix. Tanta roba quest’anno. Scelta non semplice. Ma alla fine confermo giudizio passato.
Sulle serie tv siamo tutti commissari tecnici. Sono materia da nuovo bar sport. Vuol dire che la televisione e’ viva e lotta insieme a noi.

Attrice ( Viola Davis ) e attore ( Matthew McConaughey ) tv dell’anno

31 dic

Viola Davis per HOW TO GET AWAY WITH MURDER e Matthew McConaughey per TRUE DETECTIVE.
Senza lotta, migliori attori protagonisti in una serie tv nel 2014.

Citando Al Pacino, ” I kill a communist for fun”

30 dic

Leggo della citazione renziana da Al Pacino in “Ogni maledetta domenica”.
Essendo reduce da Miami, a South Beach il Pacino piu’ citato e’ quello di Scarface. Siamo andati a vedere, da una barca, la casa di Scarface. Ci hanno portato nel motel su Ocean Drive dove e’ passato Scarface, oggi meta di pellegrinaggi. Arrivati la sera di Halloween, sembravano tutti mascherati da Scarface.
E allora la citazione, da quelle parti, e’ una sola.

E il New York Times apre oggi con Ebola, piu’ otto pagine. Come si poteva fermarla

30 dic

Otto pagine, con apertura in prima pagina, su Ebola. Su come poteva essere fermata Ebola e perche’ non e’ stato fatto. 7800 morti dopo. Due mesi di ricerche del New York Times e una storia da Pulitzer.
Proprio ieri ho postato il video dei famosi che ci ricordano che Ebola e’ ancora tra noi, anche se non proprio a casa nostra.

Ebola ? Se rimane in Africa non ci riguarda

29 dic

Saldi, a New York

29 dic

FullSizeRender copy 2

Le tv all news americane solo sull’aereo scomparso. Nulla sul traghetto italiano

29 dic

Solo un accenno questa mattina in tv al traghetto italiano alla deriva.

Il cinepanettone rimosso, VACANZE A MIAMI

28 dic

FullSizeRender

Con le feste di questi giorni e’ arrivata nei cinema di casa nostra anche la gara a smarcarsi dai cinepanettoni. Se ne fanno sempre ma ora si preferisce usare il topos vintage “commedia all’italiana”. Che fa ridere i polli, se non proprio gli spettatori.
L’ideona televisiva che ci e’ venuta e’ stata quella di fare un cinepanettone dal vero e l’abbiamo chiamato Vacanze a Miami. Una vera e propria rivendicazione.
Sono quindi reduce da una ventina di giorni a Miami in cui abbiamo provato a raccontare per Rai Tre ( con EMILIA BRANDI ) questa provincia italiana per cui passano, si dice, circa 200mila connazionali all’anno. Molti poi decidono di fermarsi. O almeno ci provano perche’ la legge americana in materia di visti non e’ notoriamente il decalogo dell’accoglienza. Ma a Miami, tra palme e sole, pare sia piu’ permeabile. Soprattutto per chi arriva con denaro, tanto denaro. E in questo noi italiani siamo misteriosamente bravi a tirare fuori conigli pieni di soldi da cilindri bucati. Nei nuovi grattacieli di South Beach si parlano italiano e spagnolo, spesso mischiati, e cosi’ si celebra la nascita di una nuova lingua, un ibrido cresciuto sul glorioso asse Ibiza-Miami.
Abbiamo cosi’ scoperto che siamo un paese di agenti immobiliari. Italiani che vendono ad altri italiani. Ma non cosette-casette da 100mila euro ( pure quelle ) ma appartamenti dal milione ai venti milioni. Che poi un altro italiano, nel nostro programma, chiama “catapecchie” perche’ le case dei veri ricchi vanno via per molto di piu’, cifre che una volta faceva solo zio Paperone.
Ho incontrato italiani lamentosi, felici, rinati, sconfitti ma sempre divertenti. Dentro un cinepanettone perenne in cui passano le decine di migliaia di turisti per cui Miami e’ solo South Beach. Quella lingua di spiaggia in cui ci si aggira alla caccia di calciatori e veline, che ci sono davvero. Magari ex calciatori ma parecchio celebrati un tempo, tante maglie azzurre che ora vivono nel sole perenne.
Miami e’ diventata una delle mete preferite dalle coppie in viaggio di nozze, ci hanno detto agenzie turistiche italiane. Non ho capito perche’ sia diventata un luogo quasi mitologico. Con un mare cosi’ cosi’, un cibo cosi’ cosi e negozi di catene, uguali a quelli che trovate ormai in molte città’ italiane.
In alcuni casi, come ha detto, Marco Mazzoli ( quello dello Zoo di 105 che da Miami trasmette ) ci siamo chiesti : ma questo che cazzo fa ? La domanda non sempre ha avuto una limpida risposta.
In altri casi abbiamo raccolto storie di italiani brava gente, come asciugati sotto il sole dalle chiacchere dei talk che mi hanno rintronato quando ero a Roma.
In tanti casi italiani visi pallidi che il mare lo vedono di passaggio, che lavorano sodo e che hanno trovato condizioni ( zero o poche tasse , agevolazioni varie ) per provare a mettere su una piccola impresa.
In questi giorni, prima della messa in onda prevista per i primi di gennaio, ci tornero’ sopra.

FullSizeRender

Arrivato a Roma per montare le tante ore di girato, sono andato subito a trovare Renzo Arbore, che a Miami arrivo’ tra i primi, quando su Ocean Drive c’erano solo “i vecchi ebrei di New York che si dondolavano sulle sedie deco-scalcinate degli alberghetti che ora chiamano boutique hotels”. Bei tempi, allora.

20141208_180152

Quello anziano e’a sinistra; quello giovane a destra, con gilet e camicia a righe.

A New York fa caldo. A Londra si gioca a calcio

28 dic

L’inverno a New York non si e’ ancora visto. L’anno scorso otto nevicate serie.
Sto guardando Manchester United-Tottenham in tv. I calciatori italiani postano foto dalle Maldive.

Guardoni di matrimoni ( e divorzi )

28 dic

FullSizeRender

Anche Bill Maher ( HBO ) va sulle pagine del New York Times della domenica a vedere chi si e’ sposato.
Facebook, invece, ci dice lo stesso New York Times, viene usato per annunciare divorzi. Io  frequento solo i si.

“One life is too short for doing everything” ( Massimo Vignelli 1931-2014 )

27 dic

28cover_type-blog480

 

Quelli che se ne sono andati  nel ricordo di fine anno del New York Times Magazine. Tanti nello show business. Sfogliando la rivista mi sono fermato su Andrew Madoff. Dopo Mark anche Andrew. Bernie Madoff in galera. I due figli, che non lo hanno perdonato, andati via.

L’ultima volta di “Christmas” di Darlene Love da Letterman

26 dic

Dal 1986, tutti gli anni, Darlene Love ha cantato la sua hit “Christmas baby please come home” al David Letterman Show natalizio.
Darlene Love ha dichiarato che senza Letterman non lo farà’ piu’, in televisione. La canzone e’ del 1963.

“Good things are worth the wait”

26 dic

DSCN6042

Un anno fa ha chiuso il Barnes & Noble di Chelsea dove ho passato ore, tante, a sfogliare libri. Ricordo quando BN era il diavolo onnipresente che si mangiava le piccole librerie indipendenti. Ora siamo costretti a tifare perche’ non chiudano il BN di Union Square e gli altri ancora aperti a New York. Fino a quando arrivera’ l’ennesimo spaccio di magliette e Amazon si sara’ mangiato tutto, anche la voglia di mettere il naso fuori di casa.

I miei cartoni di Natale

26 dic

Richard Thompson ha lavorato per The Washington Post , e altri, fino a quando si e’ fermato per il Parkinson.

Magnare fuori

25 dic

A Roma nelle ultime due settimane ho mangiato a casaccio. E a casaccio ho trovato che infilavano pata negra ( credo sia prosciutto iberico ma sapete meglio voi ) ovunque. Anche nella pizza a taglio. Ma perche’?
A New York infilano i tartufi, olio, estratti di tartufo, ovunque. Anche nei burgers. Ma perche’ ?
Comunque ( evviva ) si rimangia a casetta, senza pata negra e intingoli tartufati.

Meraviglioso Seinfeld natalizio. “I regali diventano spazzatura che poi andiamo a cercare su eBay”

25 dic

Gli stand-up comedians quando sono bravi, come Seinfeld, sintetizzano quello che in molti pensiamo. Tutto diventa spazzatura. Anche noi.

Si torna a casetta per Natale

22 dic

Ultimi due mesi di lavoro fuori. Ci siamo quasi. Natale a New York. Tra un paio di giorni l’aereo.
E cosi’ riprendero’ a guardare tv e a recuperare serie. E a scrivere sul blog, che mi e’ mancato.
Domani ultimo caffe’ al bar der guercio, vicino a casa a Roma.

Il 2014 di HBO ( e bollicine di 2015 )

22 dic

Il gran finale di Stephen Colbert

19 dic

Dopo 9 anni Stephen Colbert lascia Comedy Central. Cambiera’ scrivania, andando ad occupare quella di Letterman, alla CBS.
Colbert dovra’ abbandonare il suo personaggio costruito ed essere piu’ se stesso, probabilmente. E allora si vedra’ se funziona. Ci voleva il maestro di Colbert, Jon Stewart, ma e’ andata cosi’.

Serie TV, i miei Golden Globes

11 dic

Le nominations ai Golden Globes ( 11 gennaio 2015 ) sono ufficiali.

Best TV Series, Drama
The Affair (SHOWTIME)
Downton Abbey (PBS)
Game of Thrones (HBO)
The Good Wife (CBS)
House of Cards (NETFLIX)

Vi diranno Downton Abbey o Game of Thrones ( dipende dalle letture e l’eta’ ). Quelli che non le hanno viste ma masticano di politica vi diranno House of Cards. La sorpresa e’ The Affair. Io scelgo The Good Wife che invecchia benissimo e ha avuto un finale di stagione bim bum bam.

Best TV Series, Musical Or Comedy
Girls (HBO)
Orange is the New Black (Netflix)
Transparent (Amazon)
Silicon Valley (HBO)
Jane the Virgin (CW)

Tutto ma non Girls, perche’ se vince chi la tiene piu’ Lena Dunham. E poi, dopo la prima stagione, e’ stato solo un loop. Senza avversari Transparent, serie dell’anno.

Best TV Movie Or Mini-Series
The Normal Heart (HBO)
True Detective (HBO)
Olive Kitteridge (HBO)
Fargo (FX)
The Missing (Starz)

In questo caso l’ovvietà’ e’ True Detective. Piccolo ( ma solo piccolo ) dubbio Olive Kitteridge.

E Obama da Colbert fa un figurone. In tv il ragazzo ci sa fare

10 dic

Lunedi Obama da Colbert. Meglio dai comici che nei talk shows

6 dic

Stephen Colbert avra’ di nuovo ospite il presidente Obama. Era gia’ accaduto in passato.
Colbert chiude cosi’ il suo show quotidiano su Comedy Central con un’intervista che tanti giornalisti si sognano per una vita. Se la possono guardare solo su You Tube.
Dall’anno prossimo Colbert prendera’ il posto di Letterman. Il nuovo incontro con Obama sottolinea un passaggio di status.

Quando i followers su Twitter non ti guardano in tv

5 dic

Il caso andrebbe studiato da chi traduce meccanicamente followers sui social in telespettatori.
Ronan Farrow ( il figlio di Mia ) va in onda cinque giorni alla settimana su MSNBC dalle 13.00 per un’ora. Il suo talk show ha messo insieme lunedì scorso 13mila telespettatori nel fondamentale gruppo demografico 25-54 ( scrivo spesso che per chi e’ sopra i 55 anni, in America, c’e meno interesse ).
Farrow ha 276mila followers su Twitter. Si pensava che li avrebbe trasportati in televisione. Il trasloco non sembra riuscito.

Il comico “di destra”. Perche’ non ne parliamo mai ?

4 dic

Nei TG parla la vedova dell’uomo soffocato dal poliziotto. Non e’ Ferguson, e’ New York

4 dic

FullSizeRender

Questa volta siamo a New York, non a Ferguson. C’e’ un video con un audio in cui la vittima dice “sto soffocando”. Niente armi. Per ora le manifestazioni di protesta hanno visto una maggioranza di giovani bianchi a Manhattan. Vedremo cosa succederà’ nelle prossime ore e nei prossimi giorni.

In 40mila al concerto ( a sorpresa ) di ieri a Times Square. Bruce Springsteen, Coldplay and friends

2 dic

Con tre ore di avviso, concerto per il World Aids Day. Arrivati in 40mila attraverso social networks. Nei TG del mattino di questo si parla.

Giovedi PETER PAN ( Allison Williams di GIRLS ) sulla NBC. “Natale in famiglia”, davvero

1 dic

Gli spot sull’evento tv della NBC di questo Natale si stanno moltiplicando. Non passa ora in cui non appaiono. E’ diventata una tradizione quella del musical per famiglie in prima serata a dicembre. Quest’anno Peter Pan con Allison Williams.
La ragazza e’ una delle quattro protagoniste di Girls ( e figlia del conduttore piu’ celebre di TG della tv americana ). “NBC Nightly News with Brian Williams” e’ il telegiornale della rete delle 18.30, il piu’ visto. Allison, la figlia, e’ Peter Pan. Ecco cosa vuol dire “Natale in famiglia”.