Archive | luglio, 2017

Pellegrinaggio

23 lug

img_0586

La contemporaneita’. Da Basquiat a Bono

17 lug

Ieri sera all’Olimpico per gli U2.
Musica distorta, come capita negli stadi ma perfetta musica da stadio.
Evocativa, celebrativa, trenta anni dopo. Molti di quelli che avevo accanto non erano nati nel giorno di Joshua Tree. Tutti conoscevano le parole delle canzoni. Il film che scorreva alle spalle era un’idea di America. Per quelli ( come me ) che pensano che l’America sia uno “state of mind”. Piu’ che quella di Reagan o Trump.
Tutti quelli che avevo accanto mi sono sembrati belli. Sara’ stata la serata.
Prima ero andato a vedere la bella mostra di Basquiat. Scomparso trenta anni fa, quasi.
Poi uno dice “la contemporaneitĂ ”. Quella di trenta anni fa.

Aggiornamento

3 lug

Da due mesi non vedo “Morning Joe”, su MSNBC, ogni mattina, dalle 6 in poi.
E cosi’ mi sono perso quello che è contenuto nei video che seguono.

Ci rivediamo in autunno con questa roba da pazzi.

Intanto giro l’Italia, con rapidi passaggi a Roma.
Da settembre in poi andranno in onda cose su TV2000 e ci sara’ tempo per tornarci sopra.
Ho visto poca televisione in queste settimane. Mi sono appassionato ad alcuni meravigliosi canali locali e al calciomercato, buttato in alberghi a volte con wifi ballerino.
In una pausa vacanziera mio figlio arrivato da Trumpland mi ha “educato” ancora una volta sulla reale funzione di servizio pubblico che svolge la televisione. Quella di badante per anziani. Sconvolto ( mio figlio ) dal peso della politica nelle generaliste italiane. Da una settimana con lui sono uscito con una valanga di storie da Instagram. La televisione che si passano su Snapchat quelli che comprano e che insegue la pubblicitĂ  ha la durata di 120 secondi al massimo.
Le serie sono un bagaglio a mano da aprire nei viaggi.
Noi badanti della badante facciamo manufatti di interesse zero per gli under 21. Chiaro ?