Liberta’ di espressione. Non si tocca per la Costituzione americana. Giudicate voi

4 mar

Oggi faccio parlare di piu’ alcune delle fotografie che ho preso lo scorso autunno, quando ho lavorato ad un TG2 DOSSIER di GERARDO GRECO, titolato PREGHIERE AMERICANE.
Un viaggio tra le chiese americane che ci ha portato anche a Topeka nel Kansas, dove per tre giorni abbiamo girato la storia della WESTBORO CHURCH. Sono una settantina di membri di questa chiesa cristiana, fondamentalista e ultratecnologica insieme, una grande famiglia allargata con tanti figli e bambini che vengono portati a tutte le quotidiane manifestazioni di protesta non solo in citta’ ma in giro per l’America. L’ossessione di FRED PHELPS, il fondatore, 82 anni, e’ l’omosessualita’. Quando gli ho chiesto perche’ questo odio per i gay, Fred mi ha interrotto e mi ha detto “Sir, si vede che non conosci la Bibbia. All’inizio li chiamavamo gays, ora li chiamiamo fags” (lo spregiativo frocio).
I seguaci della Westboro si presentano ovunque con i loro cartelli e canti, calpestando la bandiera americana e ricordando a tutti che questo paese, precipitato nel peccato, e’ vicino alla fine. Forse in nostro onore (si fa per dire), la domenica in cui li abbiamo seguiti, sono anche andati all’uscita di una messa cattolica dove hanno insultato il Papa ed esposto cartelli con preti sodomiti. Celebri sono pero’ diventati perche’ vanno ai funerali dei soldati uccisi in Iraq e Afghanistan gridando che questa morte se le sono voluta e che e’ la punizione di Dio per i loro peccati. In questo paese in cui la liberata’ di espressione, anche di odio, e’ garantita dalla Costituzione, la Westboro Church rappresenta la sfida estrema. Oltre non si puo’ andare.
E mercoledi’ la Corte Costituzionale degli Stati Uniti ha dato loro ragione votando 8 ad 1. Il caso era stato sollevato da Albert Snyder, il padre del capitano dei Marines Matthew, morto in Iraq nel 2006. Quelli della Westboro si erano presentati al funerale, cosi’ come hanno fatto in centinaia di casi simili. Cosi’ come e’ accaduto al funerale di Michael Jackson e recentemente al Sundance Film Festival e alla cerimonia degli Oscar. Unico obbligo da osservare e’ quello di stare a distanza (variabile da stato a stato) e su terreno pubblico. 43 stati hanno proibito alla Westboro Church di andare ai funerali di militari morti ma ora questa sentenza, che arriva alla fine di altre che avevano condannato i Phelps a risarcire la famiglia Snyder con 11 milioni di dollari, poi ridotti a 5, potrebbe rimettere in gioco tutto.
Nessuno sembrerebbe piu’ poter fermare la famiglia Phelps. Siamo alle radici della democrazia americana. Che in questo caso sono state violentate ma non si sono mosse.
Io uscii scioccato, frastornato da quel viaggio in Kansas. Uno choc ancora piu’ grande perche’ quelle terribili parole di odio erano pronunciate anche da bambini che le cantavano come si canta una filastrocca, a quell’eta’. E poi la loro ospitalita’ fu perfetta. Una di quelle lezioni americane difficili da dimenticare.

PS. Se volete vedervi PREGHIERE AMERICANE cercatelo tra i TG2 Dossier di questa pagina.

Comments are closed.