Aridaje col guru americano. I guru italiani non c’hanno capito niente e sparano alla luna. Parlate ora di paese normale

26 feb

E’ meraviglioso guardare da lontano ( streaming pirata ) i talk shows italiani che commentano i risultati in divenire.
Monti mi sembra sia andato benino per uno che non esisteva elettoralmente due mesi fa. Berlusconi ha rimontato dopo che gli avversari avevano vinto il primo tempo ( primarie ) e poi si sono seduti.
Grillo ha stravinto e nessuno, nessuno ha capito l’onda che stava arrivando.
Ho sentito a Piazzapulita alcuni giovani del Movimento 5 Stelle dire un paio di cose e sono curioso di ascoltarne di piu’.
Prepariamoci ai ritrattini degli esponenti del movimento che entrano il primo giorno a Montecitorio. Soprattutto come sono vestiti, che e’ importantissimo…La stampa italiana e’ stata imbarazzante in questi mesi. Anche la televisione non ha scherzato. Poi e’ arrivata, per finire, la storia Giannino. E intanto nessuno ci ha fatto capire una mazza su questi nuovi italiani che rifiutano le poltrone televisive. Forse sono come noi… Liquidati invece come seguaci di un culto. Come se gli elettori pensanti fossero solo quelli che entrano nel campione auditel.
Queste elezioni sarebbero da studiare per anni perche’ segnano il trionfo di chi ha strizzato la tv in ogni suo pedicello ( Berlusconi ) e contemporaneamente di chi l’ha spenta per sempre ( Grillo ).
In studio pero’ si sghignazzava sul guru americano che ha aiutato Monti.
Intanto qua, in America, grande preoccupazione in tv e nei websites delle organizzazioni di news. Grecia, euro le parole piĆ¹ usate. Non dai guru. Dai mercati.
Ho riaperto il blog per Oscar e elezioni. Ora puo’ tornare a dormire per un altro pezzo.

Comments are closed.