La TV di Amazon

25 nov

Oggi sul POST.

Jeff Bezos, come Steve Jobs, Bill Clinton, Obama – racconta Brad Stone nel suo libro su Amazon ( The Everything Store-Vendere tuuto¬†) – non e’ cresciuto con il suo padre biologico. Stone non ci ricama su una teoria per cui i leaders carismatici crescerebbero meglio cosi’, piu’ determinati, ma butta li gli esempi. Bezos e’ quel signore che si e’ inventato Amazon, il negozio online che punta a coprire tutti i nostri bisogni di consumatori, anche quelli che proprio bisogni primari non sono.
L’avventura e’ cominciata nel solito garage, nel 1994. Bezos veniva da Wall Street ed ha creduto oltre ogni ragionevole aspettativa nello sviluppo di Internet. E’ partito dai libri perche’ era la merce piu’ semplice da stoccare e spedire e perche’ aveva capito che c’era un vuoto nella vendita e distribuzione. Sapeva che i libri non erano la merce piu’ attraente da offrire, soprattutto per uno come lui che legge quasi esclusivamente fantascienza ( pazzo di Star Trek ). Ma da qualche parte si doveva cominciare per arrivare al supermarket globale del discount. Bezos si e’ caricato di debiti, ha rischiato di saltare piu’ volte ma ha trovato finanziatori fuori di testa e/o visionari come lui. Stone racconta che fu salvato dal boom di Harry Potter, che riusci’ a consegnare a tonnellate, scontato, in un paio di giorni o poco piu’.
Dal 2008-2009 il modello di business ha cominciato a funzionare. E cosi siamo arrivati all’espansione internazionale. Ai 215 milioni di clienti e alla crescita geometrica delle trimestrali. Alla vendita di cibo, di arte, di tutto. Intanto Bezos, con soldi suoi, non di Amazon, si e’ finanziato una corsa nello spazio e il piu’ terra, terra, vecchio Washington Post. Poteva mancare la televisione in questa visione ?
Qua la sfida appare complicata ( ma lo e’ stata anche in passato ). Perche’ a spostare la visione fuori dall’elettrodomestico ci ha gia’ pensato Netflix. Che ha subito detto un anno fa ( nelle parole del suo CEO Hastings ) che il costo di un magazzino delle serie tv da acquistare e offrire in streaming avrebbe procurato ad Amazon una perdita di un miliardo di dollari all’anno. Hastings sa bene cosa significa entrare in questo mercato perche’ ha speso 2.1 miliardi di dollari in un anno in licenze. Ma Bezos ha in mente un progetto che lega insieme tutto, nel negozio che vende tutto. Acquistando con 79 dollari l’abbonamento ad Amazon Prime si ha diritto ad avere in due giorni a casa gratis tutte le merci del negozio onnicomprensivo ( e si vedono le serie tv ). Lo scopo e’ vendere Il carrello su cui si appoggia la tv e lo stesso elettrodomestico ( o il computer ). Sinergia totale perche’ il negozio e’ l’unico negozio che avrai e che fara’ chiudere tutti gli altri ( naturalmente nel Bezos-pensiero ). Settimana scorsa ha chiuso un accordo per distribuire film indipendenti che di solito si trovano su Netflix ( Bling Ring, Spring Breakers ). Siamo allo scontro aperto.

Non ci sono cifre ufficiali ma un anno fa il vantaggio di Netflix appariva insormontabile ( il 33% contro il 1.8% di Amazon ). Amazon Prime potrebbe essere arrivata ad un terzo di Netflix. Questo prima che tutti e due cominciassero a realizzare produzioni originali. E che Netflix arrivasse alla serata degli Emmys con la serie House of Cards tra le nominations, accanto a HBO, NBC, AMC, ecc, i grandi della televisione. Da questo mese e’ arrivata anche Amazon. Dopo avere messo ai voti sulla sua piattaforma i pilots degli shows da produrre. Tanta roba in cantiere, shows per bambini e uno per grandi di Chris Carter, il creatore di XFiles. Intanto ora sono fuori i primi tre episodi di Alpha House e Betas, le prime serie di Amazon. Le ho viste.
Alpha House ( quattro senatori repubblicani in trasferta che vivono nella stessa casa a Washington ) e’ piu’ generalista. Betas ( cinque giovani di Silicon Valley a caccia del social network che li fara’ ricchi ) e’ per un pubblico piu’ circoscritto, con la speranza che possa diventare un fenomeno mediatico ( come Girls). Infatti una doppia pagina per Betas e’ stata comprata sul New York Times, come accade solo per i grandi eventi televisivi.
Alpha House e’ piena di stereotipi ma ha momenti alla Mash, da sitcom riuscita. Betas e’ pure costruita con caratteri e situazioni di maniera ma i dialoghi sono meno datati ( “avere 35 anni nella Silicon Valley e’ come averne 95 fuori “dice uno dei protagonisti ). C’e’ la realta’, la contemporaneita’ restituita da una “single camera”, come si usa nei documentari. Ogni episodio di 27 minuti ha un budget da 1 a 2 milioni di dollari.
La televisione si fa sempre piu’ liquida. Cresce fuori dall’elettrodomestico al centro del salotto ma anche fuori dal secondo schermo, il computer. Circola nei tablets e negli smartphones che si sono fatti piu’ grandi per ospitarla. Oggetti che, si dice, Amazon produrra’ presto.

Amazon non poteva rimanere fuori da quella che e’ la madre di tutti i contenuti. Aspettiamoci che un giorno da Seattle, la casa di Amazon, arrivino anche le news. Nel frattempo il negozio totale ha aperto anche la vetrina delle fiction. Ma a differenza di Netflix, che ha costruito la sua fortuna offrendo le serie tutte insieme, Amazon dopo i primi tre episodi regalati li programmera’ uno alla settimana, come fa appunto la tv vecchio stile.
Garry Trudeau, il creatore della striscia comica Doonesbury e ora di Alpha House, ha ammesso di essere stato in dubbio se affidare alla rete il suo lavoro perche’ c’era il rischio, secondo lui, dell’invisibilita’. Ora che New York e’ invasa dai cartelloni delle due serie di Amazon probabilmente pensa che quello che fa Mr. Jeff Bezos e’ tutto tranne che invisibile.
Mr.Amazon e’ partito da alfa e beta. C’e un alfabeto da declinare.

photo copy 5
photo copy 5

Comments are closed.