L’unico caso in cui la pubblicità’ e’ più’ importante della partita. E ora viene spalmata per settimane

30 gen

Stasera e’ andato in onda sulla CBS in prima serata Super Bowl’s Greatest Commercials . Una rassegna del meglio, negli anni, della pubblicità’ andata in onda durante i Super Bowls.
Gli spot da trenta secondi, che tengono in piedi l’industria televisiva, trovano nella domenica della finale del campionato di football la loro massima visibilità’. Non solo. Acquistano una dimensione centrale nella programmazione dell’evento. Non e’ unicamente una questione di soldi, profitti. Solo l’industria automobilistica investe quasi cento milioni in media. Con la spalmatura sui social media, ogni spot e’ ora costruito con teasers e backstages come un’opera in divenire. Non tutti scelgono questa strategia. Alcuni come la Chrysler puntano sulla sorpresa della domenica. Molto dipende dalla rete tessuta storicamente prima e dal pubblico di riferimento ( giovane, anziano, analfabeta digitale, middle o upper class, ecc ).
Il programma che ho visto stasera in tv prova a rivoltare il trend in corso che e’ quello della visione differita che salta le pubblicità’. Domenica la partita tra Denver e Seattle e’ solo un riempitivo. La pubblicità’, lo spettacolo vero.

Comments are closed.