HOUSE OF CARDS, si gira nello stato che paga. Vale anche per noi

13 apr

Lo stato del Michigan ( e di Detroit ) finanzia l’industria del cinema e delle serie televisive, provando a cogliere ogni occasione che si presenta per inventare posti di lavoro in un’economia in grave crisi. Nella stessa direzione si muovono la North Carolina ( e gli studios di Wilmington ) il New Jersey e altri stati con la vista lunga.
In questi giorni doveva partire la produzione della terza stagione di House of Cards ma e’ stata rinviata di un paio di mesi, nell’attesa di capire se lo stato del Maryland accorderà’ simili facilitazioni a quelle delle due passate stagioni ( 26.7 milioni di crediti di tasse e l’accesso al palazzo del governo statale per le riprese ). L’assemblea legislativa del Maryland ha concesso 15 milioni di credito, la produzione ne chiede 18.5. Si e’ calcolato che House of cards abbia finora generato 259 milioni per l’economia del Maryland.
Simili scontri sui fondi sono ormai la regola nell’industria televisiva. Si gira dove girano i soldi. Vale per tutti, a qualsiasi latitudine.

Comments are closed.