Crollo degli incassi nei cinema americani

31 ago

Questa e’ stata la peggiore estate dal 1997 per le majors americane. Si dice per colpa dei mondiali di calcio. Piu’ propriamente, forse, perché c’e’ poco da vedere e quel poco transita in tivù, su Netflix, ecc. Poi ci sono i costi. Una famiglia di quattro individui spende una cinquantina di dollari ( con poco popcorn ) per un film non memorabile. E, in molti casi, come ho fatto con mio figlio ieri sera ti puoi vedere un film uscito a New York venerdì, scegliendolo dal menu on demand di Time Warner, il provider televisivo locale.
Le sale cinematografiche vanno verso l’estinzione. Diteglielo a quelli che se la raccontano tra un festival e l’altro.

Comments are closed.