POP-UP economy. Non solo Halloween

27 ott

FullSizeRender

Questa settimana, a New York, sembra che tutti i negozi in affitto della citta’ abbiano trovato una temporanea locazione. Dovunque ti giri, vendono costumi e tricche e tracche per Halloween.
C’e’ un fiorire di pop-up stores, negozi che durano il tempo della festa. Coperto questo bisogno primario, riapparira’ il cartello “for rent”. Ma non e’ solo Halloween ( e a seguire Thanksgiving, Natale ) ad accendere questa economia mobile.
La finestra su strada, solo per quello che ho visto, e’ usata dalle startups ( Warby Parker ) dai marchi che lanciano nuovi prodotti ( Levi’s, Kate Spade ) da chi festeggia anniversari ( NBC per Friends ) e adesso dai grandi negozi online, dai cataloghi che per anni ci hanno venduto il commercio virtuale.
Quando il negozio fisico sembrava destinato a scomparire, ingoiato dai centri commerciali e da Internet, rispunta fuori in una forma nomade e temporanea.
Urge analisi di qualcuno pratico.

Comments are closed.