HOMELAND, e’ tornato. La nona puntata della quarta serie la migliore di sempre

24 nov

Ho reçuperato puntate perse di Homeland e visto ieri sera live la nona della quarta serie. La migliore di sempre.
In famiglia abbiamo discusso animatamente di questa quarta serie a cena. Eh si, di questo si parla in casa mia a cena ( si vede che non teniamo pensieri… ).
Io, sbagliando, davo per morta la serie dopo la scomparsa di Brody. Il resto della famiglia mi diceva di aspettare e che, anzi, la storia, non piu’ centrata sulla relazione Carrie-Brody, si era finalmente liberata di una deriva troppo soap.
Ho resistito cosi’ fino alla ottava puntata in cui il bipolarismo di Carrie ( con faccette annesse ) sembrava certificare l’avvitamento della storia. Poi, nella nona puntata, tutti i fili annodati negli episodi precedenti si sono stretti e sono venuti fuori cinquanta minuti tesi come raramente accade in televisione. Ora la storia e’ diventata quella che doveva essere dall’inizio e a volte si era persa. Un racconto della difficoltà ( se non dell’impossibilita’ ) di governance americana di aree del mondo lontane, soprattutto culturalmente.

Comments are closed.