Giustizia televisiva americana, ci torno sopra. Spunta un altro Chi l’ha visto

24 mar

FullSizeRender

Sabato prossimo andra’ in onda sulla CBS un’intervista al celebre avvocato di Robert Durst, all’interno del newsmagazine 48 hours. “Il tentativo di vincere un Emmy, non di cercare la veritĂ ’”, ha dichiarato la difesa. Piu’ o meno quello che penso. E ripeto, riassumendo il caso, Durst e’ fino ad oggi sospettato di due omicidi e la scomparsa della moglie. Da uno di questi omicidi e’ stato assolto. Degli altri non si parlava fino alla messa in onda del documentario in sei parti della HBO. Prima dell’ultima messa in onda e’ stato arrestato. Del rapporto tra investigatori ufficiali ( polizia ) e investigatori televisivi ( gli autori del documentario ) nulla sappiamo.

FullSizeRender

Ho detto ” fino ad oggi” perche’ il TG della NBC di stasera ha appena sparato la fotografia di una ragazza scomparsa una quarantina di anni fa in Vermont, nella bella cittadina in cui sono stato parecchie volte e in cui ha vissuto all’epoca Durst. Un altro Chi l’ha visto attribuito al presunto assassino seriale Durst, il ricco immobiliarista di 71 anni. Che ha sfornato una decina di documenti in questi anni, in perenne fuga. Prima dell’ultima e’ stato arrestato. Durst e’ il colpevole designato e non si capisce come l’abbia sempre fatta franca. Almeno attraverso un altro processo  avrebbe dovuto passare ma la giustizia televisiva sembrerebbe avere saldato il conto.
Vi segnalo a questo proposito un importante articolo del New York Times che riassume l’ascesa, il successo dei documentari negli ultimi anni e si pone, ci pone una domanda. Chi sono gli autori ?
Alcuni si definiscono giornalisti, altri storytellers, altri ancora advocates che vuol dire che difendono una causa, usano il documentario per spingere una causa. A volte queste identita’ configgono. The New York Times chiude il pezzo su Andrew Jarecki, autore dell’arresto, scusate volevo dire il documentario su Durst.
Quale delle tre identita’ si attribuisce lo stesso Jarecki? Probabilmente il giustiziere ( che sarebbe un’altra, la quarta ozione ).

Comments are closed.