Ladri di biciclette, a Manhattan

25 mar

Io me la porto su a casa. Cosi’ fanno in tanti a Manhattan. Dove lo consentono i regolamenti condominiali e i doormen, i guardiani dei palazzi, chiudono un occhio, due.
885 garages di New York sono stati costretti da qualche anno, per legge, a ricoverare biciclette. Dipende dalle dimensioni del parcheggio ma in genere ogni dieci autovetture deve essere garantito lo spazio per una bicicletta. Ma la legge non avrebbe fissato limiti di tariffe. E quindi il risultato può’ essere quello della fotografia. Con aggiunta che lasciare la bicicletta in strada ( anche con con la catena piu’ forte dei due mondi ) vuol dire non ritrovarla la mattina dopo.

IMG_9986

PS Esiste, a Manhattan, l’opzione “comunista” sponsorizzata da una banca. Una meraviglia.
Costa meno non possedere una bicicletta. E’ il futuro della condivisione. Vabbe’.

Comments are closed.