Il dibattito tv tra i repubblicani senza Trump. Causa giornalista non gradita

27 gen

Avevo cominciato a parlarvi di lei nel 2012.
Megyn Kelly conduce un programma quotidiano di un’ora su FoxNews. E’ conservatrice, secondo la mission della rete, e brava. In questa campagna elettorale si e’ scontrata con Trump a cui ha chiesto conto della sua misoginia. Trump rispose alludendo alle mestruazioni della signora.

Ora, con un comunicato ufficiale, lo stesso Trump annuncia che non partecipera’ al dibattito di giovedì tra i candidati repubblicani, a Des Moines, Iowa. La messa in onda sara’ a cura di FoxNews e la Kelly tra coloro che faranno le domande.
Rinunciare al dibattito televisivo a tre giorni dal voto in Iowa e’ un’enormita’. Anche perche’ le sfide repubblicane hanno fino ad ora fatto ascolti pazzeschi.
Andare contro FoxNews e‘ dunque per Trump un rischio, non si sa quanto calcolato.
Decidere di boicottare la piu’ popolare giornalista della rete storicamente alleata dei repubblicani vuol dire, una volta di piu, prendere le distanze dal partito per cui si partecipa alle primarie.
Se alla fine Trump non si materializzera’ sul palco giovedì sera sara’ un terremoto politico e televisivo. Che potrebbe anche giocargli a favore.
A forza di agitare la carta antisistema, Trump squaderna tutto. Ormai preferisce andare a MSNBC, la allnews progressista, a cui telefona spesso. Con la differenza pero’ che FoxNews fa grandi ascolti e MSNBC piccoli, piccoli.

Comments are closed.