Succede in Sierra Leone, Liberia, Papua Nuova Guinea. E Stati Uniti d’America . LA MATERNITÀ NON RETRIBUITA

21 mar

IMG_1488

Una vergogna. L’occasione per parlarne è televisiva.
The New York Times ha dedicato un lungo pezzo alla maternita’ di Rebecca Lowe, la conduttrice delle domeniche di calcio della Premier League, che guardo con assoluta devozione. Rebecca è arrivata dall’Inghilterra in America quando la NBC ha comprato i diritti del calcio inglese. Gli ascolti sono cresciuti in tre anni del 150% rispetto alla vecchia gestione di FOX e ESPN.
Il boom degli ascolti si deve alla competenza di Rebecca ma soprattutto alla popolarita’ crescente del calcio in America
Rebecca è a otto mesi e mezzo di gravidanza quindi sta per partorire in studio. Tornera’ con l’inizio della prossima stagione. La Lowe ha un lauto contratto che le permette di stare a casa l’estate ma questo non accade per la stragrande maggioranza delle donne che lavorano in America.
Le dodici settimane post-parto non sono pagate in genere. Solo il 13% delle donne ricevono un salario quando lasciano per tre mesi il posto di lavoro.
Senza arrivare alla Norvegia che offre il 100% della paga per 35 settimane, nella vicina Cuba che Obama sta visitando le settimane retribuite al cento per cento sono 18. Ma come si dice in questa campagna elettorale americana quelli sono “paesi comunisti” (ebbene si, anche la Norvegia). Per non parlare dei paesi che concedono questa possibilita’ anche ai padri (fantascienza, negli Stati Uniti per il 90 per cento delle imprese ).
In America si torna a lavorare quasi dalla camera dell’ospedale per non perdere posto di lavoro e salario. Una situazione imbarazzante a cui spesso accennano i due candidati democratici in queste primarie.
Solo California e New Jersey offrono la maternita’ pagata al 60% (per sei settimane) e il piccolo Rhode Island per un mese. Tutto qua. Dal 1993 per legge (amministrazione Bill Clinton) c’e’ il diritto alle 12 settimane ma non retribuite.
Quello che succede allora e’ invece pura Americana. Le compagnie private piu’ avanzate (nell’assenza dello stato federale) si fanno regole proprie per non perdere preziose collaboratrici. E cosi’ Netflix ha esteso ad un anno la maternita’ pagata per una parte delle sue salariate. Google ha alzato la propria soglia da 12 a 18 settimane retribuite per le madri e a 12 settimane per i padri. Per Apple un mese prima e tre mesi dopo, pagati. Twitter 20 settimane. Instagram e Reddit 17 settimane sia per i padri che per le madri.
Il mosaico di Silicon Valley fa a pugni con il resto del paese. Ma solo il cinque per cento dei CEO delle prime 500 compagnie di Fortune sono donne. E in questo caso l’America è come il resto del mondo.

Comments are closed.