METAFICTION. Jack Bauer for President. La nuova serie apocalittica sulla Casa Bianca

22 set

Ho visto il primo episodio di DESIGNATED SURVIVOR, la nuova serie di ABC annunciata con grande clamore in questa stagione. Jack Bauer di “24″ alla Casa Bianca. Kiefer Sutherland, l’efficace attore con una sola espressione, alla Casa Bianca. Viviamo in tempi complicati, a quattro giorni dal primo dibattito televisivo tra Hillary Rodham Clinton e Donald J Trump, a poche settimane dalle elezioni piu’ reality show della storia.

Guardi Designated Survivor e sei incerto se si tratti di un documentario, di cinema verità, di fiction.
Non fa piu’ differenza. Si e’ sciolta la realtà e fatichiamo a riconoscere i confini. Si è inverato Baudrillard. La televisione ha ucciso la realta’. Dopo averla formattata.
Cosi’ è difficile parlare di Designated Survivor, dell’uomo in felpa che giura sulla Bibbia nei primi 15 minuti della nuova serie, dopo un’esplosione che spazza via il Presidente degli Stati Uniti durante il discorso sullo Stato dell’Unione. In questi casi c’e’ sempre un “designated survivor” tenuto lontano dal Congresso nel caso accada il peggio. Ecco allora il Secretary Of Housing, licenziato pochi minuti prima, diventare Presidente. Lo spoiler si ferma qui.
Questa è solo l’introduzione di una serie che promette molto anche se palesa subito la sua scrittura grassa, disegnata per il prime time di un grande network e non per i palati schifiltosi, viziati da HBO, Showtime, Amazon, Netflix, ecc. Critica divisa.
Uno dei produttori esecutivi viene dai supereroi Marvel e si vede. Spettacolare, i dialoghi meno. Roba comunque da paura, impossibile da non vedere.

Se alla fine cambi canale e vai sulle all news ritrovi Trump, che è potenzialmente a poche settimane dall’entrare in possesso della valigetta con i codici atomici.

Comments are closed.