Manhattan, America

9 nov

Ho votato stamattina e non avevo mai visto una fila simile al mio seggio.
Le due signore davanti a me in coda, con filo di perle, mi hanno detto di essere registrate repubblicane e di odiare Hillary. Ma poi una di loro ha detto :”votiamo democratico per la prima volta perche’ lei è una donna e lui…lasciamo perdere”.
Poi sono andato a girare in tre seggi. Con un accredito siamo entrati ovunque, nelle palestre allestite per il voto. Bambini, cani, amici che accompagnavano, anche al momento di barrare la scheda.
Seggi come parchi giochi, come piazze. Roba da pazzi per noi, che votiamo in seggi che sembrano sale operatorie.

IMG_3565

Prima siamo andati a Inwood, sulla duecentesima strada a nord di Manhattan. Quartiere ispanico. Fila enorme anche qua. Credo non ci fosse un voto per Trump. Il voto latino anche più compatto di quello afroamericano. Poi sono stato ad Harlem, un seggio sulla 127.
Di nuovo solo voci per Hillary. Stessa cosa in un seggio della Upper East di Manhattan, con una fila più lunga di tutti. Tante signore Gucci-Prada. E anche qua orripilate da Trump.
Questa è Manhattan, solo uno dei cinque grandi distretti di New York. Basterebbe essere stati a Staten Island, poco distante, per trovare un campione diverso.
Adesso aspettiamo il risultato del paese, che non è Manhattan.

IMG_3563
IMG_3557
IMG_3553
IMG_3580

Comments are closed.