Televisione contro Trump. E Renzi ( in Florida )

24 feb

Trump si lamenta. Dice che la televisione è tutta contro di lui ( meno FoxNews ).
In realta’ sono i comici a fare parodie e a cavalcare l’onda degli ascolti che è salita tanto da poterci fare il surf.
Le televisioni generaliste, come sappiamo, in America “fanno politica” la domenica mattina e basta, per un paio d’ore.
Per il resto esistono solo le cable news, che tutte insieme non arrivano agli ascolti di un qualsiasi programma di prima serata che va male.
Diversa situazione in Italia, come sappiamo ancora di piu’. I talk shows politici sono spalmati su tutta la settimana o quasi, in prima serata e non solo. Alcuni arrivano all’alba per raccattare un punto in piu’ di ascolto. E ci arrivano triturando Renzi. I comici ? Boh ho visto solo Crozza, impalancato a coscienza critica del paese. E se Renzi sparisce siamo a Razzi.
Basterebbe Gazebo, che è il meglio di tutti. Il programma che racconta la politica senza i politici in studio.

E’ bello che quelli che sono nati fuori e contro la televisione siano ora sdraiati sulle poltroncine degli studi tv ( grillini ).
In questi tempi si porta un poco meno Salvini. Si portano molto Di Maio e amici, appunto.
Poi è arrivata la pacchia con la scissione PD. Si fa a botte per invitare gli addolorati uscenti in televisione. E il comico è D’Alema.
Intanto ho sentito un TG Rai di ieri sera lanciare cosi’ un servizietto su Renzi in America: “ Renzi è in Florida, nella Silicon Valley e a Stanford”.
Vabbe’ stiamo a guardare il capello, California, Florida…si sa che gli italiani vanno a Miami, no ?

Comments are closed.