Salvate il soldato Perego

23 mar

Parlavo ieri con un amico che mi chiedeva se nella televisione americana si vedono cose simili a quella italiana. Si è visto di molto peggio. Risse finte. Storie di cosiddetti tradimenti inventati dagli autori e protagonisti che si accapigliano, strappandosi vestiti. Storie di falsi elevate a verita’.
La televisione commerciale è stata per anni nel day time un cesso.
Questa onda lunga si è spalmata su reti, trasformate per sempre da allora. Basta vedere la deriva di MTV americana nel patetico tentativo di tenere attaccati i giovani che hanno abbandonato la televisione per sempre.
Poi la marea si è ritirata. Nel mondo accadono cose tremende che hanno confinato questa televisione a canali lontani dai primi trenta tasti. Esiste ancora ma non lotta piu’ tra noi.
Oggi, poi, in America viviamo un reality politico quotidiano in cui non sono nemmeno piu’ necessari gli autori. Va avanti da solo, con una guida automatica.

980x

Chi va in video è responsabile fino ad un certo punto. In generale, esistono gli autori e chi dovrebbe sorvegliare gli autori che per un punto di ascolto ci racconterebbero la storia della loro madre di 90 anni che se la fa con il nipote dell’amica ( dell’est ).
Da noi ( Italia ) tutto questo è materia quotidiana che riempie ore di televisione di servizio e servizietti pubblici.
Si è scavato nel profondo del privato senza gli strumenti, l’attenzione, la preparazione, la “cultura” per farlo. Si mettono in onda cose che oggi vivono su Internet e basta vedere la homepage di alcuni grandi quotidiani italiani per capire come l’onda si sia trasformata in tsunami. Non si tratta piu’ del video sul gattino che gioca con il gomitolo. Puttanate a tonnellate. Quello che una volta si trovava sulla stampa dedicata ora si trova sulle pagine in rete di alcuni dei maggiori quotidiani che vengono letti sempre meno.
Siamo passati dal meraviglioso mondo del vintage Arbore alla cronaca spiattellata ad ogni ora del giorno senza filtri, senza vergogna. Gli ospiti vengono riciclati per il loro grado di cinismo, per il corto circuito tra parola e alito cattivo che agita le loro bocche.
Bocche simili si impastano ogni giorno di frasi fatte sul servizio pubblico, continuando a citare a capocchia la BBC, che pure lei non è piu’ la vecchia signora di una volta.
Il soldato Paola Perego non c’entra.

Comments are closed.