Eroi del lavoro

15 ago

Oggi ho letto i giornali a Villa Balestra, come faccio spesso nei giorni di festa.
Unica differenza, ero solo.
Sono anni che mi capita di lavorare ad agosto a Roma. Nulla di eroico.
Se hai un programma che va in onda a settembre devi montarlo. E devo dire che apprezzo ogni minuto in questa città svuotata. Poi, forse, capiterà di stare fermo a novembre. Questo lavoro è fatto cosi’.
La grande maggioranza dei salariati ha vacanze obbligate. Con scuole e asili chiusi poi poca scelta. In questi giorni pero’ abbiamo assistito ad una commedia umana meravigliosa.
I nostri rappresentanti del popolo ci hanno ripetuto di essere disposti a lavorare ad agosto. Ci hanno fatto sentire in colpa. Hanno provato a far passare una narrazione da eroi del lavoro. Roba da statue al valore delle repubbliche sovietiche.
Questo ho letto oggi su una panchina, ai giardinetti.

img_2644

Comments are closed.