Le case del riposo eterno

26 Apr

Marc Augé scrive “tutti muoiono giovani.
Mia madre ha vissuto un quarto di secolo più di mio padre (nati nello stesso anno). Io ricordo mio padre anziano (così mi sembrava allora). Mia madre no.
La durata media della vita si è talmente allungata che abbiamo creato una nuova categoria merceologica (e, solo dopo, demografica) che abbiamo chiamato dei “baby boomers”, i nati negli anni Cinquanta-Sessanta.
La caduta statistica della libido non sembra frenare la crescita esponenziale dei siti di incontri tra over 60. Che non credo sia frutto solo della domanda di compagnia. Che allora basterebbe un fantastico cane.

Non “dimostrare” l’età che si ha è il mantra quotidiano amplificato dai social.
In questi giorni di ricrescite selvagge sono molto attento a scorgerne gli effetti in televisione, soprattutto sugli uomini (mi fanno leggermente schifo i maschietti che si asfaltano i capelli, parlo solo del mio genere).
La vecchiaia nei corpi sfatti non cancella la soggettività. Almeno fino al limite del rimbambimento. Paura della demenza, non della morte.
La vecchiaia, invece, segnata in Italia dalla riscossione della pensione è una variabile che andrebbe riletta per scrivere una storia del paese interessante. Ricordo che quando ho cominciato a lavorare come bibliotecario alla Braidense di Milano (in un’altra vita) assistevo alla fuga verso la pensione di colleghe/i nei loro quaranta anni grazie ad una meravigliosa leggina.
Non ho mai sognato di non lavorare. Non vado in miniera la mattina.

Sono sempre stato attratto dai vecchi. Ci ho fatto un programma televisivo (format norvegese) che si chiamava Supersenior, andato in onda su Rai Due ai tempi di Freccero. Mi dissero (uno studio sugli ascolti) che gli anziani non amano vedere loro coetanei. Preferiscono guardare le veline di Striscia (la libido, appunto).
Sartre ha scritto “Essere morto è essere in preda ai vivi. Ciò significa che colui che tenta di cogliere il senso della sua futura morte deve scoprirsi come preda futura degli altri».
Quella degli altri in questi giorni ha dei luoghi privilegiati. Le residenze per gli anziani. È una vicenda globale. Come è globale questo virus. Al di là delle responsabilità specifiche. In America le nursing homes (RSA) si sono affrettate in tutti gli stati a chiedere l’immunità legale contro le cause civili perché in questi casi, da quelle parti , si monetizza pesantemente e rapidamente.
Ho letto storie simili accadute ovunque. Nel New Jersey, a Brooklyn, in California e potrei continuare a lungo.

Le cerimonie degli addii sono state amputate. Le nostre memorie non sono però sepolte nella fossa comune.

Comments are closed.