Il burattinaio ( e the new, new thing )

27 set

Mattinata interessante a Morning Joe su MSNBC, la mia sveglia quotidiana televisiva quotidiana alle sei. Ha sempre gli ospiti, i collaboratori migliori ( fissi Mike Allen di Politico , Mark Halperin di Time e John Heilemann del New York magazine ). Oggi il tema e’ il punto sulla corsa per la Casa Bianca tra i repubblicani. In apertura passa Letterman che al primo posto della sua Top Ten mette ” Perfino la Bachmann pensa che Perry sia fuori di testa”.
Questa e’ l’introduzione a Tina Brown che arriva per dire quello che ha pubblicato su The Daily Beast e Newsweek. Ovvero che il grande burattinaio dei conservatori americani, quel signore di 71 anni che porta a casa 23 milioni all’anno (dono di Rupert Murdoch) per avere fatto di Fox News la televisione che ha annichilito CNN, sta oggi ripensando la sua strategia. Dopo avere soffiato sull’emergere del Tea Party, avere dato spazio a Glenn Beck e Sarah Palin ( e avere fallito nell’opposizione a Obama nel 2008) oggi e’ alla ricerca di un candidato potabile, gradito anche a Wall Street. Che non sono Perry e Romney. E che potrebbe essere l’ex prosecutor ( avvocato, magistrato ) con meno esperienza in politica di quanta ne aveva Obama, il bullo, bravissimo nel botta e risposta, Chris Christie. Che proprio oggi prova ad allargare i suoi orizzonti finora limitati alle Jersey Shores con un discorso alla Reagan Library.
Quello che Tina Brown dice di Roger Ailes, il capo di Fox News, era piu’ o meno stato scritto dal New York magazine lo scorso maggio. La televisione che fa litigare, che ingigantisce l’ala estrema porta denaro e ascolti ma fa perdere le elezioni, come e’ successo nel 2008 ( nel suo piccolo, che avrebbe fatto la Polverini senza Ballaro’ ?).
Ora il burattinaio spinge per un nuovo candidato e riposiziona la televisione che dirige piu’ “fair and balanced” (corretta ed equuilibrata, lo slogan di Fox News, deriso da tutti i comici e da chiunque abbia testa sua propria). Che purtroppo non pare essere lo chiccoso Jon Huntsman, quello che dice cose sensate e che arriva a Morning Joe subito dopo Tina Brown. Dice ad esempio Huntsman che e’ stato senza precedenti l’attacco di Perry ad Obama su Israele. E che il mercato e’ sempre a caccia della new, new thing, la cosa nuovissima. Che in questo caso, l’abbiamo capito, e’ Chris Christie.


Comments are closed.