Will you occupy my life ?

17 Ott

Oh America, che paese !
Ieri domenica, vigilia del primo mese di occupazione di Zuccotti Park, e’ sembrato il giorno giusto a Brian e Debbie per una importante dichiarazione di fine indipendenza. Circondati da un gruppo di amici e parenti , alle due del pomeriggio , Brian si e’ inginocchiato e ha pronunciato ” WILL YOU OCCUPY MY LIFE ? ” ( vuoi occupare la mia vita ? ) , rivolto a Debbie.
Ho sentito il coro che ripeteva la frase, come routine adottata da Occupy Wall Street per amplificare le voci senza microfoni . Ero a pochi metri e ho visto Brian ancora in ginocchio, grandi applausi e Debbie che si rimirava l’engagement ring , l’anello di fidanzamento.
Com’era la storia del privato che e’ pubblico ? E non siate cinici. Zuccotti Park e’ anche tante di queste cose che non fanno programma. Fanno tenerezza , ci (ri)danno fiducia nella comunicazione antica di emozioni . Una di quelle cose che quando la vediamo in televisione o al cinema ( “signorina, vorrei avere un figlio da lei” ) diciamo che e’ geniale. Perche’ la realta’ ormai e’ quell’altra.




Comments are closed.