Strage di innocenti 2

23 Gen

Tredici giorni dopo la strage di Tucson, Arizona, la Congresswoman Gabby Giffords e’ stata trasferita in un altro ospedale, a Houston, Texas. A Houston Gabby iniziera’ la riabilitazione che potrebbe durare dai quattro ai sei mesi, con esito incerto.
I dieci chilometri che separano l’ospedale di Tucson dall’aeroporto sono stati percorsi dall’autoambulanza con a bordo Gabby e suo marito Mike, tra due ali di folla commossa, con cartelli scritti a mano (“Siamo con te Gabby”).
Sul luogo della strage continua il pellegrinaggio. Un violinista estrae ogni giorno il suo strumento e fa musica. Una signora si e’ presa in carico la cura dei fiori lasciati sul prato della strage.
Nel telegiornale delle 18.30 di venerdi ( NBC ) l’intervista ad una sopravvissuta che accompagnava la vittima piu’ giovane, Christina, la bambina nata l’undici settembre 2001, spezza il cuore.

Visit msnbc.com for breaking news, world news, and news about the economy

Lentamente il dibattito sulla strage di Tucson sta svoltando dal “clima politico” che avrebbe contribuito a determinarla alla questione “gun control”, le armi, la circolazione e l’acquisto delle armi. Molto difficile che cambi qualcosa in America su questo terreno. La pistola e’ dentro la Costituzione e la testa dei cittadini americani (nella loro maggioranza) e la politica non sfida l’impopolarita’ andando contro il “sentire comune”.
Una prova? James Eric Fuller, 63 anni, reduce veterano di guerre, volontario della campagna per la rielezione della Giffords, uno dei tredici feriti nella strage di Tucson, ha partecipato ad una riunione cittadina, un town meeting, sull’accaduto. Nel corso di una accesa discussione con un sostenitore del Tea Party, lo ha fotografato e gli ha urlato in faccia “Sei un uomo morto !”. Poi Fuller si e’ scusato.

Comments are closed.